L’accesso ai documenti amministrativi è sempre gratuito (solo spese di riproduzione)

Di 18 Gennaio, 2017 0 0

In una recente sentenza del Tar Toscana (la n. 11 del 9 gennaio scorso) si ribadisce che l’amministrazione comunale non può imporre diritti in misura contrastante con il principio di gratuità (tendenziale) del diritto di accesso ai documenti (FOIA).

La vicenda nasce da un contenzioso su una delibera nella quale si erano stabiliti i costi di ricerca, visione e di estrazione di copia di documenti richiamati con il principio della trasparenza amministrativa, distinguendoli tra diritti di visioni e spese di riproduzione.

Tuttavia la vigente normativa prevede in caso limite (tenuto conto della gratuità della richiesta di accesso agli atti, un rimborso del diritto di diritto di ricerca se pur applicabile solo quando viene richiesta una copia del documento e mai quando il documento viene richiesto in sola visione.

L’amministrazione coinvolta dichiarava di aver presentato questa proposta in quanto voleva limitare le richieste provenienti da professionisti che potrebbero generare molte richieste anche al fine di recuperare un documento smarrito comportando spesso ricerche difficoltose in fascicoli voluminosi.

Il giudice annullava la delibera in primis perché è a tutti gli effetti impossibile distinguere una ricerca per un professionista da un cittadino (le tariffe era distinte) potendo il professionista agire nell’interesse di un privato per far valere una posizione giuridicamente rilevante di quest’ultimo per legittimarne il diritto d’accesso e soprattutto perché c’è il concreto rischio di duplicare le voci di spesa.

In seconda ipotesi perché questa determina viola (oltre ad altre norme) l’articolo 25, comma 1, della legge 241/1990, il quale stabilisce che l’esame dei documenti è gratuito. Tale norma, in via generale, deve essere sempre letta in modo sistematico e razionale, affinché, nel caso di ordinarie ricerche di atti chiaramente indicati o agevolmente individuabili l’importo che può essere applicato è inevitabilmente assai modesto, anche per non trasformare l’onere economico in un ostacolo al fondamentale e ormai diffuso esercizio del diritto di accesso o in una misura deterrente.

La norma sul punto è chiara e consente soltanto il recupero delle spese di riproduzione (normalmente le fotocopie), il che vincola l’amministrazione a commisurare l’importo alla quantità di copie richiesta, senza la possibilità di introdurre delle soglie minime. Anche in questo caso occorre poi tenere in considerazione i criteri di ragionevolezza e proporzionalità, e dunque la somma richiesta non potrà eccedere i prezzi medi praticati sul mercato, escluso ovviamente qualsiasi utile, non potendo l’amministrazione ricavare profitti dall’esercizio di un’attività istituzionale connessa al diritto di accesso.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.