L’imposta sulle aree fabbricabili va commisurata rispetto al valore venale previsto dal piano regolatore

Di 19 Gennaio, 2017 0 0

Una recente sentenza (la n. 715 del 13 gennaio) della Corte di Cassazione ritorna a discutere sulla base imponibile delle aree fabbricabili ribadendo che la determinazione dell’imposta va fatta non sul valore catastale ma sul valore venale (aggiornato/comunicato il 1° gennaio di ogni anno) che si ricava dal piano regolatore generale (in via di modifiche nel nostro comune).

Infatti secondo l’ormai noto articolo 5 del D. Lgs 504/92 “la base imponibile dell’imposta per le aree fabbricabili è rappresentata dal valore venale in comune commercio all’1 gennaio dell’anno di imposizione, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all’indice di edificabilità, alla destinazione d’uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche“.

Nella sentenza si rimarca che la base imponibile si calcola sul valore venale così come attribuita nel piano regolatore generale adottato dal Comune nell’ambito della discrezionalità attribuita dal legislatore del Dlgs 504/92 alla regolamentazione comunale, indipendentemente dall’approvazione dello stesso da parte della Regione. Non occorre attendere, infatti, la decisione dell’ente preposto al governo del territorio, né quella inerente i piani urbanistici attuativi, ma è fatta salva la necessità di valutare la maggiore o minore attualità delle potenzialità edificatorie dell’immobile, nonché la possibile incidenza degli ulteriori oneri di urbanizzazione in ragione delle concrete condizioni esistenti al momento dell’imposizione.

La potenzialità edificatoria di un’area fabbricabile, anche se prevista da strumenti urbanistici solo in futuro o non ancora attuati, è un elemento oggettivo idoneo ad influenzare il valore del terreno e, pertanto, rappresenta un indice di capacità contributiva adeguato ai fini del calcolo dell’Ici (ergo Imu e Tasi) al quale viene attribuito un valore collegato alla potenzialità edificatoria dell’area senza tener conto di altre circostanze (quali l’ampiezza del terreno) che, pur non attribuendo ulteriori diritti edificatori, possono incidere sul valore venale dell’area edificabile in quanto la norma di legge sul valore Ici delle aree fabbricabili orienta la determinazione del valore venale del bene sulle sue potenzialità edificatorie.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.