Cambiano le modalità di invio delle bollette del CAM

Di 12 Gennaio, 2017 0 0

È stato istituito un nuovo sistema che prevede l’invio di bollette a scadenza diversificata che prevede l’invio di 5 mila bollette a settimana con termini di pagamento progressivi che andranno da gennaio ad aprile che garantisce una precisione maggiore in quanto si basa sui consumi effettivi a discapito di quelli stimati.

Questo cambio di impostazione che prenderà il via con l’emissione, imminente, delle prime bollette relative al 3° quadrimestre 2016 sopprime l’invio simultaneo di tutte e 84 mila insieme, ma a scaglioni settimanali che riguarderà tutti i 84 mila utenti gestiti dal C.A.M., è stato imposto dall’ente regolatore della tariffa che ha chiesto di garantire almeno due letture annuali (in verità fin dal 2013).

Le letture quindi non saranno più fatte in un giorno definito, ma verranno distribuite nel corso dell’anno cercando di coprire il maggior numero di giorni garantendo quindi un miglioramento del servizio e quindi assicurare il pagamento delle bollette visto che le fatture seguiranno le letture effettive. A queste letture effettive saranno quindi integrate le altre due fatture emesse su un consumo presunto, a meno che l’utente non comunichi, nei tempi specificati sulle bollette, il consumo reale.

Fino ad oggi la fatturazione (circa 240 mila fatture annue) avveniva in base ai consumi stimati con il rischio di incorrere in errori che se pur non esclusi totalmente possono essere corretti nel giro di poco tempo riducendo la possibilità di ricevere fatture falsate.

Secondo l’amministratore delegato del C.A.M., l’ingegner Giuseppe Venturini, ci sarà la possibilità di eseguire interventi più frequenti per la manutenzione e la riparazione dei guasti che nel solo 2016 hanno raggiunto i 18 mila interventi portati a termine.

Sempre secondo quando affermato dall’A.D. non ci saranno oneri aggiuntivi per quegli utenti che, invece di gennaio, saranno chiamati a pagare nei mesi successivi fino alla fine di aprile. La diversificazione una tantum dei tempi di pagamento, non incide in nessun modo sui costi, poiché le fasce di consumo con le quali è articolata la tariffa (agevolata fino a 30 metri-cubi; base fino a 150, consultabili sul sito del Consorzio) sono fissate su base annua.

Inoltre sembra attivato un sistema per controllare lo stato dei pagamenti e delle fatturazioni accedendo al database direttamente dal sito del Consorzio acquedottistico e verificare la propria posizione.

Resta il dubbio che il raddoppio delle rilevazioni minime e la dilazione delle letture nell’arco dell’intero anno possano comunque produrre maggiori oneri, ma è chiaro a tutti che il metodo migliore resta la lettura del contatore.

Le modalità di auto-lettura sono attualmente quattro, telefonicamente al numero 0863/090030, all’indirizzo e-mail autoletture@cam-spa.com, attraverso la pagina del sito www.cam-spa.com, oppure tramite lo sportello della sede societaria in via Caruscino n.1 ad Avezzano (orario di apertura: lunedì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00; martedì dalle 15.00 alle 17.30).

Per pagare il consumo reale, in caso contrario il C.A.M. fatturerà in base al consumo storico, la società di gestione invita gli utenti a comunicare i consumi preferibilmente entro le date previste per le rilevazioni (15 dicembre 15 maggio 15 agosto), anche se l’auto-lettura è possibile sempre ma potrebbe non essere presa in considerazione se l’emissione della bolletta avviene a stretto giro della lettura nella massima autonomia e discrezionalità e sulla base delle proprie esigenze e possibilità. Eventuali modifiche alle date di rilevazione manuali viene riportato in ogni bolletta che conterrà l’indicazione dell periodo utile entro cui comunicare l’auto-lettura.

Con la comunicazione dell’auto-lettura entro la data indicata si ha la possibilità di monitorare i propri consumi e di tenere sotto controllo la spesa per il servizio idrico.

Concludiamo indicando le modalità di lettura dei contatori. In Italia esistono principalmente due tipi di contatori dell’acqua, che si differenziano per ciò che viene mostrato nel quadrante:

  • Contatore a lancette (Fig. 1). In questo caso ci sono delle piccole lancette che puntano i numeri, quelle nere sono i numeri interi e le altre rosse rappresentano i decimali;
  • Contatore a lettura diretta (Fig. 2), più moderni. Questo tipo di contatore riporta i metri cubi consumati con dei rulli numeratori, con i decimali, che corrispondono ai numeri dopo la virgola, a volte segnati in rosso sempre nei numeri oppure, indicati con delle lancette poste sotto, come nell’immagine qui sotto,

La lettura del contatore con le lancette si esegue in senso orario, da sinistra verso destra, come puoi vedere dalla freccia nell’immagine qui sopra (fig. 1). La prima lancetta mostra le migliaia e sotto al cerchio c’è l’indicazione x1000, poi a seguire le centinaia con x100, le decine con x10 ed infine i metri cubi con x1 metri-cubi. Quasi sempre la lancetta è posizionata tra due numeri, ad esempio tra il 2 e il 3, in questo caso il numero corretto per la lettura sarà quello inferiore, il 2.

Nella figura 1 la lettura è 4868 metri-cubi. La lettura dei contatori più moderni (Fig. 2) va fatta semplicemente leggendo i consumi indicati nel contatore, in questo caso 123 metri-cubi. Un metro cubo di acqua corrisponde a 1000 litri, quindi 0,001 metri cubi sono un litro.

Con la lettura periodica, oltre ad allineare la bolletta ai consumi reali, puoi controllare i tuoi consumi, verificando la presenza di eventuali perdite agli impianti interniSe trovi il contatore illeggibile oppure danneggiato o ghiacciato, contatta subito il gestore della rete idrica per richiederne la sostituzione.

Ricordiamo che i clienti hanno l’obbligo di consentire e facilitare, in qualsiasi momento, l’accesso ai misuratori per effettuare la rilevazione dei consumi idrici. In caso d’impossibilità di accedere al contatore, sarà lasciata dagli incaricati una cartolina per l’auto-lettura. La mancata restituzione della cartolina o la mancata comunicazione dell’auto-lettura comporterà l’addebito di un consumo presunto per l’intero periodo di fatturazione (con il metodo del pro-die in base alla media storica dei consumi del cliente o, in assenza di consumi storici, in base ai consumi medi della rispettiva categoria tariffaria).

I nuovi investimenti del C.A.M.

Novità 2017 è anche il miglioramento del sistema di depurazione che prevede interventi di efficientamento e potenziamento degli impianti a servizio di dieci Comuni messi in cantiere dal C.A.M.. Opere che segneranno una mini rivoluzione nel territorio spingendo l’asticella delle acque depurate dal 54 a quasi il 70% con ovvi benefici per l’ambiente, il comparto agricolo della Marsica e l’occupazione.

L’operazione, che sarà realizzata in due tempi, ha mosso i primi passi con l’avvio dei bandi di gara per l’assegnazione degli appalti per un investimento globale di 12 milioni e 200 mila euro (fondo sviluppo e coesione) concesso Regione Abruzzo per le operazioni di adeguamento, potenziamento o realizzazione di nuovi impianti nei Comuni di Avezzano (Pozzillo), Trasacco, Carsoli, Celano, Capistrello, Morino, Gioia-Lecce-Ortucchio, Ortona dei Marsi, e la realizzazione del collettore fognario Camporotondo-Cappadocia.

Il Consorzio Acquedottistico Marsicano, inoltre, nell’ambito del decreto “Sblocca Italia” ha già presentato due nuovi progetti per l’adeguamento degli impianti di Luco dei Marsi e Scurcola Marsicana per un importo di 3 milioni di euro: obiettivo completare il cerchio degli interventi a tutto tondo entro i prossimi due anni.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservan o il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerca, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento