Aliquote invariate (sempre al massimo) e rifiuti più cari

Di 17 Agosto, 2015 0 0

Tasse rifiuti 150 Nella giornata di ieri sono state riconfermate tutte le aliquote (IRPEF, IMU e TASI).

L’unico “sconto” è stato applicato alla componente TASI in relazione alle “unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato ed iscritti all’AIRE, già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato (D.L. 28/03/2014 n. 47 art. 9 bis)”. Questi ultimi si vedono applicata una aliquota dello 0,33 per mille. Vi avevamo parlato in un precedente articolo anche delle modifiche all’IMU per i residenti all’estero.

Quindi a questo punto è chiaro che tutta l’operazione di rinegoziazione dei mutui non è stata fatta per abbassare le imposte locali ma per dare altro margine di “manovra” per l’amministrazione.

Ora quello che salta subito all’attenzione è la componente TARI 2015, quella dei rifiuti. Nonostante in un precedente articolo vi avevamo prospettato un possibile risparmio sulle tariffe applicate (ottenuto confrontando le fatture della stessa Segen), è con rammarico che vi diciamo che si è avverato l’esatto contrario.

Se in effetti sommiamo le fatture emesse nel corso del 2013 (431.548,79 €) e quelle emesse nel corso del 2014 (412.288,47 €) otteniamo un risparmio del 4,46%, valori fortunatamente lontani dal record raggiunto nel 2012 (475.008,39).

Nonostante ciò nella previsione 2015 si è deciso di applicare un rincaro delle tariffe del 6,74%. Quindi chi pagava 100€ quest’anno, nonostante il costo più basso del servizio, pagherà 106,75€, chi ne pagava 200€ ne pagherà 213,48€.

È una situazione paradossale perché comunque si sommano le fatture, queste risultano sempre più basse delle precedenti. Se ad esempio prendiamo l’ultima fattura emessa (maggio 2015) e le sommiamo a quelle di 11 mesi prima (quindi da giugno 2014 a maggio 2015) otteniamo un totale di 404.416,84 €, mentre per i stessi mesi ma riferiti all’anno precedente (quindi da giugno 2013 a maggio 2014) otteniamo un totale di 427.617,34 €, quindi anche in questo caso otteniamo un risparmio che sale al 5,43% (a queste cifre va aggiunto il 5% di tassa provinciale che comunque non incide sulle percentuali).

Quindi come successo l’anno scorso, anche quest’anno non siamo in grado di fornirvi una spiegazione dell’incredibile differenza tra il costo del servizio e le tariffe applicate, facendo presente che è possibile incrementare la tariffa solo a compensazione di eventuali detrazioni o esenzioni che in questo caso non ci sono.

Sarà forse un altro modo per fare cassa?

Nel grafico seguente vi mostriamo queste differenze.

Fatture Segen

Differenze Segen

Ultima nota. Sapete tutti che da pochi giorni la Segen ha cambiato il proprio programma di ritiro che, nonostante sia stato garantito come esente da rincari, probabilmente produrrà un ulteriore aumento dei costi. Lo verificheremo con le prossime fatture ma è chiaro che per ogni ulteriore aumento dei costi, anche dato dal nuovo programma di ritiro che passa da 3 giorni (lunedì, mercoledì e venerdì) a 6 giorni (dal lunedì al sabato), la Segen non “ne risponde direttamente” visto che il costo viene girato direttamente ai cittadini.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.