180 milioni per i progetti delle scuole in collaborazione con gli enti territoriali

Di 1 Marzo, 2017 0

Pubblicato il primo dei dieci bandi PON per una scuola aperta, inclusiva e innovativa annunciati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca lo scorso 31 gennaio con il quale sono stati stanziati 180 milioni di €.

Il bando è rivolto alle scuole dell’infanzia statali, le istituzioni scolastiche statali del primo ciclo di istruzione (scuole primarie e secondarie di primo grado) oltre ovviamente anche alle istituzioni scolastiche del secondo ciclo di istruzione (secondarie di secondo grado) di tutte le regioni ad eccezione della Valle d’Aosta e della provincia autonoma di Bolzano, che dovranno presentare progetti di potenziamento delle competenze di base in chiave innovativa anche in partenariato con gli enti locali (comuni) che potranno contribuire alla riuscita dei progetti.

È possibile coinvolgere quindi con partenariati e collaborazioni enti territoriali quali amministrazioni centrali e locali, associazioni, fondazioni, enti del terzo settore, università, centri di ricerca e operatori qualificati.

I progetti se presentati dagli istituti comprensivi dovranno essere distinti tra la scuola d’infanzia e scuola del primo ciclo di istruzione, così come gli istituiti paritetici dovranno presentare due distinti progetti uno per il primo ciclo di istruzione e uno per il secondo.

L’obiettivo del finanziamento è il rafforzamento degli apprendimenti linguistici, espressivi, relazionali e creativi nonché allo sviluppo delle competenze in lingua madre, lingua straniera, matematica e scienze, secondo le indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione (secondo quando indicato dal decreto del ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 16 novembre 2012, n. 254), ritenuto un fattore essenziale per la crescita socio-economica del Paese che consente di compensare svantaggi culturali, economici e sociali di contesto, garantendo il riequilibrio territoriale, e di ridurre il fenomeno della dispersione scolastica.

In quest’ottica, gli enti locali assumono un ruolo importante nella promozione del progetto e nel sostegno alla realizzazione. Sono infatti finanziabili progetti biennali fino a 50 mila euro, ovvero proposte progettuali che possono avere una durata biennale ed essere, quindi, realizzate dal momento dell’autorizzazione fino al termine dell’anno scolastico 2018-2019, durante l’anno scolastico oppure nel periodo estivo.

I progetti delle scuole dell’infanzia potranno avere un costo massimo di 20 mila euro, mentre quelle delle scuole del I° ciclo (scuole primarie e secondarie di I° grado) e delle scuole del II° ciclo (scuole secondarie di II° grado) potranno avere un costo massimo di 45 mila euro.

Le domande dovranno arrivare entro il 28 aprile 2017 e presentate nell’apposita area all’interno del sito dei Fondi strutturali 2014-2020, denominata «gestione degli interventi» (Gpu), collegandosi all’indirizzo: http://www.istruzione.it/pon/, dalle ore 10.00 del giorno 28 febbraio 2017 alle ore 15.00 del giorno 28 aprile 2017.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.