Niente risarcimento dal Comune per chi si mette in strada sotto la neve per andare al lavoro

Di 27 Giugno, 2017 0 0

Corte di Cassazione, Sentenza n. 13148: il cittadino che si mette in strada sotto una forte nevicata, cosciente della situazione di pericolo in atto, non ha diritto al risarcimento in caso di sinistro.

I fatti: in periodo natalizio, sotto una forte e pericolosa nevicata e di fronte a una evidente situazione di rischio, l’automobilista decideva comunque di mettersi in strada per andare al lavoro. Ne scaturiva un prevedibile sinistro, a fronte del quale veniva presentata richiesta di risarcimento danni all’Ente.

La motivazione? Sarebbero state inidonee le misure adottate dal Comune per fronteggiare la forte nevicata.

In Tribunale viene ricordato innanzitutto che le domanda può essere legittimata solo se ricorrono in concreto le condizioni per attribuire all’ente la qualifica di custode. Ma non solo! Anche dando questa condizione per scontato è necessario accertare se, a fronte dell’obbligo del Comune di manutenzione delle strade, non sussista nel caso concreto, un comportamento del danneggiato tale da incidere nel dinamismo causale del danno, sino ad interrompere il nesso tra la condotta attribuibile all’ente e l’evento dannoso.

Fondamentale in questo senso sono i motivi per cui la persona si è trovata in strada. In questo caso il lavoro. Secondo il ricorrente non poteva ritenersi esigibile la rinuncia ad un giorno di lavoro, peraltro importante, a causa della situazione metereologica.

Diversa è l’opinione dei giudici: in previsione di una forte nevicata, il rischio di gravi problemi alla viabilità sarebbe stato talmente alto e tanto facilmente prevedibile che solo motivazioni più pressanti (ad es. questioni di salute) avrebbero potuto rendere comprensibile e non avventato l’uso di un veicolo.

Riassumendo: se l’automobilista si mette in strada sotto una forte nevicata per motivi non pressanti, l’amministrazione non ha nessuna colpa e non è tenuta a versare alcun risarcimento.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento