Perché noi siamo trasparenti, caro Pea (ultima parte)

Di 21 Dicembre, 2020 0

Tutta la verità nient’altro che la verità
(ultima parte)

Ultima parte continua dalla terza.

Trascrivo le dichiarazioni sul bim dell’assessore Fantauzzi (non che sia un attacco personale ma è l’unico che ha avuto voce in capitolo oltre il relatore) …

Pea quella richiesta che hai fatto tu nel 2019 sono arrivati i soldi visto che tu hai sottolineato che hai fatto la richiesta. Dove stanno? Dicci dove stanno sti soldi, no? Se sei così bravo, hai fatto la richiesta (nel 2019) siamo nel 2020, dove stanno? … Tu hai fatto la richiesta, dove è andata a finire la tua richiesta? Quanti frutti hai portato a questo ente? A me non risulta che ci abbiano pagato. Ci hanno riconosciuto qualcosa? … dovresti dirci che cosa ha portato al comune di Balsorano, 0 euro …. … e tu cosa hai fatto … una letterina in cui chiedi i soldi … tu in questi due anni cosa sei stato capace di fare? Tirare fuori un elenco delle società … bravo (batte le mani) troppo complicato trovare un elenco delle società che stanno a Balsorano … ci vuole tanto? … hai fatto una letterina per non mandare in prescrizione … hai fatto solo quello … hai fatto il tuo dovere … perché tu eri responsabile dell’ufficio finanziario … dovevi farlo … quindi hai fatto semplicemente il tuo dovere … hai fatto una letterina e neanche ti hanno risposto … ma di che vogliamo parlare … l’elenco di quelle società so capaci tutti quanti … sei riuscito a fare la letterina per non far andare in prescrizione questi (!soldi!) … quando l’ho saputo … quando lo hai saputo, somaro 2 volte perché avresti dovuto saperlo subito …

A rincarare la dose arriva l’intervento del consigliere Antonini

Stiamo parlando di consorzi BIM e non della Segen (spero possa denunciarmi in relazione alla mia affermazione sulla “marchetta” poi si valuterà l’onorabilità di tutti) … Il consorzio del BIM si presuppone l’obiettivo di recuperare … non pensare ai 35 mila euro che il comune perde … qua stiamo parlando di cifre molto più importanti e siccome il comune di Balsorano ha provato ma non riesce a fare queste cose da solo ben venga il consorzio anche perché il consorzio è l’unico deputato a richiedere questi sovracanoni.

Imbarazzante che dopo 7 anni si continui a parlare genericamente di “cifre molto più importanti” senza avere la minima idea del quantum e soprattutto è imbarazzante quando si continua a mentire affermando che “il consorzio è l’unico deputato a richiedere i sovracanoni

La legge è chiara. I sovracanoni si suddividono in:

  • BIM, spettanti ai Comuni del bacino imbrifero montano in cui ricadono le opere di presa degli impianti idroelettrici tradizionali, mentre per gli impianti funzionanti per pompaggio spettano ai Comuni dei bim territorialmente interessati;
  • Rivieraschi, spettanti ai Comuni rivieraschi degli impianti ai sedi dell’art. 52 del R.D. 1775/1933 e relative province per gli impianti tradizionali e ai Comuni territorialmente interessati per gli impianti funzionanti per pompaggio.

Cosa non è comprensibile nelle tre parole “spettanti ai Comuni”. Io non trovo mica scritto “spettanti ai Consorzi”.

Domanda 13: Sono anni che si parla di queste fantomatiche entrate, si può sapere a quanto ammontano queste cifre “molto più importanti”? Cosa vuol dire che il Comune di Balsorano ha provato ma non riesce a fare queste cose da solo? Non corrisponde al vero che a gennaio 2020 è stato delegato tutto al Comune di Morino? Cosa ha fatto il Comune di Morino per recuperare questi canoni anche in considerazione del fatto che ne è a conoscenza dal 2011? Cosa ha fatto il Comune di Morino in considerazione del fatto che è a conoscenza della legge di bilancio 2012 che ha ampliato le possibilità di riscossione? Cosa ha fatto il Comune di Morino visto che conosce e ha sicuramente condiviso con gli altri sindaci l’esito della sentenza di cassazione del luglio 2018?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Ma forse è meglio ricostruire la cronologia dei fatti. Il sottoscritto ha inviato il 3 maggio 2019 tramite raccomandate (con tutto il tempo che occorre) richieste di pagamento e 24 giorni dopo presentava le proprie dimissioni (il 27 maggio 2019).

Ebbene si, corrisponde al vero, in 24 giorni non sono stato in grado di incassare questi soldi ma indubbiamente ne ha interrotto la prescrizione. Attribuire al sottoscritto anche i periodi successivi è troppo facile e soprattutto disonesto come lo è l’ammettere che nessuno ha risposto visto che al sottoscritto risulta che poco tempo dopo qualcuno ha risposto dicendo non che non avrebbe pagato senza un consorzio ma che non era assoggettato al sovracanone, cose ben diversa.

Domanda 14: Dal 27 maggio 2019 al 7 gennaio 2020 il responsabile del servizio era ancora il ragioniere. Se i miei 24 giorni sono stati totalmente fallimentari e ne avevo direttamente la responsabilità sia perché ero assessore al bilancio sia perché ero responsabile del servizio finanziario, nei 224 giorni tra queste due date cosa ha ottenuto il sindaco (che aveva tenuto il bilancio) e il responsabile del servizio finanziario? Sono stati entrambi incompetenti come lo sono stato io sempre per l’Assessore Fantauzzi?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Ma ero “imbriaco” io o erano “imbriachi” gli altri quanto il 7 gennaio si convoca il primo consiglio comunale del 2020 con un unico punto all’ordine del giorno con ordine “protocollo di intesa Comuni BIM“, ovvero si delega il Comune di Morino a riscuotere questi canoni.

L’elenco delle centrali è disponibile da tempo ma il consorzio, nonostante le belle parole e gli anni trascorsi, non ha ancora un elenco completo. Io ho presentato l’elenco in consiglio comunale dimostrando che non è difficile nonostante tutto. Ma è evidente che l’amministrazione in questi 564 giorni non ha voluto fare nulla attendendo che sia solo il consorzio a richiedere i sovracanoni proprio per dimostrare la validità del consorzio il tutto in cambio della cessione di tutti i crediti con la promessa di vederseli restituire, ovviamente ridotti da tutte le spese, entro 5 anni.

Domanda 15: Ora dal 7 gennaio al 12 dicembre sono trascorsi 340 giorni cosa ha ottenuto il sindaco (che aveva tenuto il bilancio) e il responsabile del servizio finanziario che era nel frattempo diventato il segretario? Sono stati entrambi incompetenti come lo sono stato io sempre per l’Assessore Fantauzzi?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

In tutto questo tempo il comune di Morino dichiara di aver inviato entro il 31.12.2019 la richiesta dei canoni riferita a 10 centrali per un totale di € 17.168,76 ma collegate al solo 2014 (importo molto simile a quello che ho richiesto) che ovviamente non ha valore legale.

Domanda 18: Ma se Morino ha avuto l’incarico nel 2020, come ha fatto ad inviare una richiesta per conto del Comune di Balsorano nel 2019, ovvero prima della delega? La richiesta di Morino, senza delega, è valida per bloccare la prescrizione del 2014?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

L’assessore afferma che ottenere l’elenco di quelle società sono capaci tutti. Tuttavia è smentito clamorosamente  dalle dichiarazioni dello stesso Presidente Mattei (Ex Sindaco di Morino) fatte sul centro “casualmente” il giorno dopo il consiglio comunale (tutto ha sempre un motivo) https://www.ilcentro.it/l-aquila/societ%C3%A0-elettriche-i-comuni-aspettano-i-soldi-1.2543777 i dati relativi agli impianti in Abruzzo e in Campania sono già disponibili, mancano quelli del Lazio”. A questo punto l’assessore si candidasse come presidente del Consorzio dichiarando incompetente l’attuale dirigenza che nonostante gli anni ancora non ha un elenco completo delle centrali, cosa semplicissima per l’assessore tanto da dichiarare che “tutti so capaci”.

Domanda 17: Ora considerando che l’assessore dice che tutti sono capaci a trovare l’elenco delle società, perché né il comune di Morino né il Consorzio è riuscito ad ottenerne uno completo nonostante il primo ci lavora dal 2012 e il secondo dal 2015?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Domanda 18: Quando il Presidente dichiara “Il sovracanone però non va ai singoli Comuni, ma per legge è destinato a un fondo comune che verrà gestito dai consorzi imbriferi”, non è la dimostrazione che tutti i sovracanoni a partire dal 2021, essendo quelli del 2020 già incassati, verranno grazie a voi incassati dal Consorzio come asserito dallo stesso Presidente Mattei?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

E infine il presidente dichiara “Per questa ragione i 31 Comuni interessati della provincia dell’Aquila, con capofila il Comune di Morino, ai quali andrà il 35% della somma complessiva (alcune centinaia di milioni) a giugno, si sono costituiti in consorzio, con a capo Tonino Mattei … sette di questi comuni, il cui numero sarebbe stato ininfluente per la costituzione del consorzio, non vi hanno aderito. Ed ora rischiano di essere tagliati fuori dai benefici loro spettanti”.

Quindi nonostante il sindaco a gennaio smentisse la composizione del consiglio di amministrazione, poi integralmente confermato qualche mese dopo, dopo aver allegramente dichiarato che nonostante gli anni trascorsi non si dispone dell’elenco delle centrali laziali, si rincara la dose affermando ancora oggi che non si conosce la previsione di incasso. Queste sono le stime di incasso dalla più piccola alla più grande:

  • diversi milioni di euro relativi agli ultimi 5 anni;
  • 13 milioni di euro;
  • 250 milioni complessivi;
  • 1,4 miliardi di euro (200 milioni di euro annuali dal 2013)

Oggi si dichiarano “alcune centinaia di milioni di €”.

Giusto per capire la grandezza di questi numeri. Per il nostro comune corrisponderebbe ad un’entrata variabile tra i 140 mila euro e i 16 milioni di euro mentre per il Comune di Morino e i tecnici un’entrata extra compresa tra i 910 mila euro e i 98 milioni di euro. Ora l’ultima stima è di “alcune centinaia di milioni.

Domanda 19: Visto che queste pratiche sono ormai conosciute da anni, si ha una mezza idea di quanto sarebbe l’incasso previsto?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Alla stessa maniera è confusionaria anche la creazione dello stesso consorzio visto che il Sindaco di Morino l’ha inaugurato 4 volte negli ultimi 6 anni (201520172019 e 2020).

Però dimenticano che non esistono BIM per ogni provincia.

Ad esempio dovete sapere che non esiste quello del Volturno tant’è vero che ogni comune di propria iniziativa ha richiesto i canoni alle centrali, alcuni al massimo hanno delegato (ad esempio a Picinisco capofila che tratterà il 2% dei maggiori sovracanoni). Noi siamo entrati senza indicare la percentuale che si tratterrà Morino (ma si parla come minimo del 7%).

Ovviamente l’osso grosso è la centrale di Presenzano che è per grandezza la prima in Italia e la seconda in Europa, centrale che ad oggi paga solo i canoni rivieraschi e non i sovracanoni a nessun comune nemmeno al comune di Presenzano.

Le pretese dei comuni, anche in considerazione delle obiettive condizioni di incertezza, sono finite alla Corte Europea dei Diritti Umani. Infatti quasi tutti i comuni coinvolti hanno ottenuto i canoni di sole 4 centrali, Volturno 1, Volturno 2, Montelungo e Montemaggiore (Comune Sannita, Comune di Letino, Comune di Longano, Comune di Acqua Viva d’isernia, il Comune di Castelpizzuto etc)

Bisogna essere più onesti con se stessi. La centrale di Presenzano dedicata a  “Domenico Cimarosa” è situata lungo l’asta fluviale del fiume Volturno e nell’omonima valle. È una centrale a ciclo chiuso perché di notte considerato l’esubero di energia prodotta in rete (ma in questi ultimi anni anche di giorno per la presenza di impianti fotovoltaici eolici ecc), tramite un sistema motore-pompa prende l’acqua dal bacino inferiore e la pompa al bacino superiore. Per prassi ministeriale i sovracanoni BIM sono attribuiti ai Comuni del BIM di provenienza delle acque mentre per gli impianti funzionanti per pompaggio spettano ai Comuni dei bim territorialmente interessati (BIM Volturno) e la centrale di Presenzano ha un impianto di pompaggio. Chiaro a chi spetterebbe questo sovracanone.

Un buon venditore è colui che ti attira con una promessa allettante (entrate miliardarie) per lasciarti una ”sola” (prendersi una parte delle nostre entrate).

La bravura del truffatore è quella di far credere al truffato di aver fatto un affare.

Con alcuni è più semplice che con altri.

Tutta la verità nient’altro che la verità
(ultima parte)

Ultima parte continua dalla terza.

Trascrivo le dichiarazioni sul bim dell’assessore Fantauzzi (non che sia un attacco personale ma è l’unico che ha avuto voce in capitolo oltre il relatore) …

Pea quella richiesta che hai fatto tu nel 2019 sono arrivati i soldi visto che tu hai sottolineato che hai fatto la richiesta. Dove stanno? Dicci dove stanno sti soldi, no? Se sei così bravo, hai fatto la richiesta (nel 2019) siamo nel 2020, dove stanno? … Tu hai fatto la richiesta, dove è andata a finire la tua richiesta? Quanti frutti hai portato a questo ente? A me non risulta che ci abbiano pagato. Ci hanno riconosciuto qualcosa? … dovresti dirci che cosa ha portato al comune di Balsorano, 0 euro …. … e tu cosa hai fatto … una letterina in cui chiedi i soldi … tu in questi due anni cosa sei stato capace di fare? Tirare fuori un elenco delle società … bravo (batte le mani) troppo complicato trovare un elenco delle società che stanno a Balsorano … ci vuole tanto? … hai fatto una letterina per non mandare in prescrizione … hai fatto solo quello … hai fatto il tuo dovere … perché tu eri responsabile dell’ufficio finanziario … dovevi farlo … quindi hai fatto semplicemente il tuo dovere … hai fatto una letterina e neanche ti hanno risposto … ma di che vogliamo parlare … l’elenco di quelle società so capaci tutti quanti … sei riuscito a fare la letterina per non far andare in prescrizione questi (!soldi!) … quando l’ho saputo … quando lo hai saputo, somaro 2 volte perché avresti dovuto saperlo subito …

A rincarare la dose arriva l’intervento del consigliere Antonini

Stiamo parlando di consorzi BIM e non della Segen (spero possa denunciarmi in relazione alla mia affermazione sulla “marchetta” poi si valuterà l’onorabilità di tutti) … Il consorzio del BIM si presuppone l’obiettivo di recuperare … non pensare ai 35 mila euro che il comune perde … qua stiamo parlando di cifre molto più importanti e siccome il comune di Balsorano ha provato ma non riesce a fare queste cose da solo ben venga il consorzio anche perché il consorzio è l’unico deputato a richiedere questi sovracanoni.

Imbarazzante che dopo 7 anni si continui a parlare genericamente di “cifre molto più importanti” senza avere la minima idea del quantum e soprattutto è imbarazzante quando si continua a mentire affermando che “il consorzio è l’unico deputato a richiedere i sovracanoni

La legge è chiara. I sovracanoni si suddividono in:

  • BIM, spettanti ai Comuni del bacino imbrifero montano in cui ricadono le opere di presa degli impianti idroelettrici tradizionali, mentre per gli impianti funzionanti per pompaggio spettano ai Comuni dei bim territorialmente interessati;
  • Rivieraschi, spettanti ai Comuni rivieraschi degli impianti ai sedi dell’art. 52 del R.D. 1775/1933 e relative province per gli impianti tradizionali e ai Comuni territorialmente interessati per gli impianti funzionanti per pompaggio.

Cosa non è comprensibile nelle tre parole “spettanti ai Comuni”. Io non trovo mica scritto “spettanti ai Consorzi”.

Domanda 13: Sono anni che si parla di queste fantomatiche entrate, si può sapere a quanto ammontano queste cifre “molto più importanti”? Cosa vuol dire che il Comune di Balsorano ha provato ma non riesce a fare queste cose da solo? Non corrisponde al vero che a gennaio 2020 è stato delegato tutto al Comune di Morino? Cosa ha fatto il Comune di Morino per recuperare questi canoni anche in considerazione del fatto che ne è a conoscenza dal 2011? Cosa ha fatto il Comune di Morino in considerazione del fatto che è a conoscenza della legge di bilancio 2012 che ha ampliato le possibilità di riscossione? Cosa ha fatto il Comune di Morino visto che conosce e ha sicuramente condiviso con gli altri sindaci l’esito della sentenza di cassazione del luglio 2018?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Ma forse è meglio ricostruire la cronologia dei fatti. Il sottoscritto ha inviato il 3 maggio 2019 tramite raccomandate (con tutto il tempo che occorre) richieste di pagamento e 24 giorni dopo presentava le proprie dimissioni (il 27 maggio 2019).

Ebbene si, corrisponde al vero, in 24 giorni non sono stato in grado di incassare questi soldi ma indubbiamente ne ha interrotto la prescrizione. Attribuire al sottoscritto anche i periodi successivi è troppo facile e soprattutto disonesto come lo è l’ammettere che nessuno ha risposto visto che al sottoscritto risulta che poco tempo dopo qualcuno ha risposto dicendo non che non avrebbe pagato senza un consorzio ma che non era assoggettato al sovracanone, cose ben diversa.

Domanda 14: Dal 27 maggio 2019 al 7 gennaio 2020 il responsabile del servizio era ancora il ragioniere. Se i miei 24 giorni sono stati totalmente fallimentari e ne avevo direttamente la responsabilità sia perché ero assessore al bilancio sia perché ero responsabile del servizio finanziario, nei 224 giorni tra queste due date cosa ha ottenuto il sindaco (che aveva tenuto il bilancio) e il responsabile del servizio finanziario? Sono stati entrambi incompetenti come lo sono stato io sempre per l’Assessore Fantauzzi?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Ma ero “imbriaco” io o erano “imbriachi” gli altri quanto il 7 gennaio si convoca il primo consiglio comunale del 2020 con un unico punto all’ordine del giorno con ordine “protocollo di intesa Comuni BIM“, ovvero si delega il Comune di Morino a riscuotere questi canoni.

L’elenco delle centrali è disponibile da tempo ma il consorzio, nonostante le belle parole e gli anni trascorsi, non ha ancora un elenco completo. Io ho presentato l’elenco in consiglio comunale dimostrando che non è difficile nonostante tutto. Ma è evidente che l’amministrazione in questi 564 giorni non ha voluto fare nulla attendendo che sia solo il consorzio a richiedere i sovracanoni proprio per dimostrare la validità del consorzio il tutto in cambio della cessione di tutti i crediti con la promessa di vederseli restituire, ovviamente ridotti da tutte le spese, entro 5 anni.

Domanda 15: Ora dal 7 gennaio al 12 dicembre sono trascorsi 340 giorni cosa ha ottenuto il sindaco (che aveva tenuto il bilancio) e il responsabile del servizio finanziario che era nel frattempo diventato il segretario? Sono stati entrambi incompetenti come lo sono stato io sempre per l’Assessore Fantauzzi?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

In tutto questo tempo il comune di Morino dichiara di aver inviato entro il 31.12.2019 la richiesta dei canoni riferita a 10 centrali per un totale di € 17.168,76 ma collegate al solo 2014 (importo molto simile a quello che ho richiesto) che ovviamente non ha valore legale.

Domanda 18: Ma se Morino ha avuto l’incarico nel 2020, come ha fatto ad inviare una richiesta per conto del Comune di Balsorano nel 2019, ovvero prima della delega? La richiesta di Morino, senza delega, è valida per bloccare la prescrizione del 2014?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

L’assessore afferma che ottenere l’elenco di quelle società sono capaci tutti. Tuttavia è smentito clamorosamente  dalle dichiarazioni dello stesso Presidente Mattei (Ex Sindaco di Morino) fatte sul centro “casualmente” il giorno dopo il consiglio comunale (tutto ha sempre un motivo) https://www.ilcentro.it/l-aquila/societ%C3%A0-elettriche-i-comuni-aspettano-i-soldi-1.2543777 i dati relativi agli impianti in Abruzzo e in Campania sono già disponibili, mancano quelli del Lazio”. A questo punto l’assessore si candidasse come presidente del Consorzio dichiarando incompetente l’attuale dirigenza che nonostante gli anni ancora non ha un elenco completo delle centrali, cosa semplicissima per l’assessore tanto da dichiarare che “tutti so capaci”.

Domanda 17: Ora considerando che l’assessore dice che tutti sono capaci a trovare l’elenco delle società, perché né il comune di Morino né il Consorzio è riuscito ad ottenerne uno completo nonostante il primo ci lavora dal 2012 e il secondo dal 2015?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Domanda 18: Quando il Presidente dichiara “Il sovracanone però non va ai singoli Comuni, ma per legge è destinato a un fondo comune che verrà gestito dai consorzi imbriferi”, non è la dimostrazione che tutti i sovracanoni a partire dal 2021, essendo quelli del 2020 già incassati, verranno grazie a voi incassati dal Consorzio come asserito dallo stesso Presidente Mattei?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

E infine il presidente dichiara “Per questa ragione i 31 Comuni interessati della provincia dell’Aquila, con capofila il Comune di Morino, ai quali andrà il 35% della somma complessiva (alcune centinaia di milioni) a giugno, si sono costituiti in consorzio, con a capo Tonino Mattei … sette di questi comuni, il cui numero sarebbe stato ininfluente per la costituzione del consorzio, non vi hanno aderito. Ed ora rischiano di essere tagliati fuori dai benefici loro spettanti”.

Quindi nonostante il sindaco a gennaio smentisse la composizione del consiglio di amministrazione, poi integralmente confermato qualche mese dopo, dopo aver allegramente dichiarato che nonostante gli anni trascorsi non si dispone dell’elenco delle centrali laziali, si rincara la dose affermando ancora oggi che non si conosce la previsione di incasso. Queste sono le stime di incasso dalla più piccola alla più grande:

  • diversi milioni di euro relativi agli ultimi 5 anni;
  • 13 milioni di euro;
  • 250 milioni complessivi;
  • 1,4 miliardi di euro (200 milioni di euro annuali dal 2013)

Oggi si dichiarano “alcune centinaia di milioni di €”.

Giusto per capire la grandezza di questi numeri. Per il nostro comune corrisponderebbe ad un’entrata variabile tra i 140 mila euro e i 16 milioni di euro mentre per il Comune di Morino e i tecnici un’entrata extra compresa tra i 910 mila euro e i 98 milioni di euro. Ora l’ultima stima è di “alcune centinaia di milioni.

Domanda 19: Visto che queste pratiche sono ormai conosciute da anni, si ha una mezza idea di quanto sarebbe l’incasso previsto?

Risposta dell’amministrazione (trasparenza amministrativa) … (in attesa) …

Alla stessa maniera è confusionaria anche la creazione dello stesso consorzio visto che il Sindaco di Morino l’ha inaugurato 4 volte negli ultimi 6 anni (201520172019 e 2020).

Però dimenticano che non esistono BIM per ogni provincia.

Ad esempio dovete sapere che non esiste quello del Volturno tant’è vero che ogni comune di propria iniziativa ha richiesto i canoni alle centrali, alcuni al massimo hanno delegato (ad esempio a Picinisco capofila che tratterà il 2% dei maggiori sovracanoni). Noi siamo entrati senza indicare la percentuale che si tratterrà Morino (ma si parla come minimo del 7%).

Ovviamente l’osso grosso è la centrale di Presenzano che è per grandezza la prima in Italia e la seconda in Europa, centrale che ad oggi paga solo i canoni rivieraschi e non i sovracanoni a nessun comune nemmeno al comune di Presenzano.

Le pretese dei comuni, anche in considerazione delle obiettive condizioni di incertezza, sono finite alla Corte Europea dei Diritti Umani. Infatti quasi tutti i comuni coinvolti hanno ottenuto i canoni di sole 4 centrali, Volturno 1, Volturno 2, Montelungo e Montemaggiore (Comune Sannita, Comune di Letino, Comune di Longano, Comune di Acqua Viva d’isernia, il Comune di Castelpizzuto etc)

Bisogna essere più onesti con se stessi. La centrale di Presenzano dedicata a  “Domenico Cimarosa” è situata lungo l’asta fluviale del fiume Volturno e nell’omonima valle. È una centrale a ciclo chiuso perché di notte considerato l’esubero di energia prodotta in rete (ma in questi ultimi anni anche di giorno per la presenza di impianti fotovoltaici eolici ecc), tramite un sistema motore-pompa prende l’acqua dal bacino inferiore e la pompa al bacino superiore. Per prassi ministeriale i sovracanoni BIM sono attribuiti ai Comuni del BIM di provenienza delle acque mentre per gli impianti funzionanti per pompaggio spettano ai Comuni dei bim territorialmente interessati (BIM Volturno) e la centrale di Presenzano ha un impianto di pompaggio. Chiaro a chi spetterebbe questo sovracanone.

Un buon venditore è colui che ti attira con una promessa allettante (entrate miliardarie) per lasciarti una ”sola” (prendersi una parte delle nostre entrate).

La bravura del truffatore è quella di far credere al truffato di aver fatto un affare.

Con alcuni è più semplice che con altri.

Articolo scritto e pubblicato da Giuseppe Pea in data 21.12.2020 alle ore 7:00
Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.