Carta della famiglia: pubblicato il decreto con le specifiche

Di 3 Settembre, 2019 0 0

  È stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n.203 del 30 agosto scorso, il decreto del Dipartimento per le Politiche della Famiglia del 27 giugno 2019 che regolamenta il rilascio della Carta della famiglia per il triennio 2019-2021.

La Carta è uno strumento che consentirà alle famiglie, con almeno tre figli conviventi di età non superiore a 26 anni di età, di accedere a sconti e riduzioni tariffarie sull’acquisto di beni e servizi, che saranno concessi dalle aziende pubbliche e private e dagli operatori economici aderenti. Per l’attuazione della Carta sono previste, per la prima volta, risorse dedicate.

La Carta della famiglia verrà emessa in via telematica, su richiesta degli interessati, dal Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei ministri, mediante una piattaforma digitale articolata in un portale internet e in corrispondenti applicazioni per i principali sistemi operativi di telefonia mobile.

Destinatari

I destinatari della Carta sono le famiglie costituite da cittadini italiani ovvero appartenenti a Paesi membri UE regolarmente residenti nel territorio italiano, con reddito Isee pari o inferiore a 30.000 € e con almeno tre figli conviventi di età non superiore a ventisei anni (si ricorda che in base all’attuale legge, i figli sono considerati fiscalmente a carico se nell’anno precedente, non hanno posseduto redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo, oltre i 4.000 euro fino a 24 anni e oltre i 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili, per i maggiori di 24 anni).

Come nucleo familiare regolarmente residente si considera quello costituito dai soggetti componenti la famiglia anagrafica tra i quali sussiste un rapporto di filiazione, anche adottiva, con almeno uno dei due genitori.

Come fare richiesta

La richiesta della Carta va presentata al Comune da parte di uno dei genitori del nucleo familiare ed è utilizzabile da tutti i componenti del medesimo nucleo familiare e serve ad ottenere sconti sui trasporti pubblici, sui servizi privati e pubblici, beni alimentari e non, etc.

Una volta pubblicato il modello di domanda, la card sconti famiglie numerose, può essere richiesta autonomamente dai nuclei residenti in Italia con le condizioni previste nel punto precedente.

Il Ministero dell’Economia successivamente, provvederà ad approvare un apposito Modulo domanda carta famiglia che dovrà essere compilato e consegnato al Comune di residenza o tramite Caf e Patronati, insieme al modello Isee.

Una volta rilasciata la carta della famiglia, sulla base dell’Isee, il nucleo familiare potrà ottenere sconti a servizi privati e pubblici che aderiranno all’iniziativa.

Come funziona.

La tessera sconti digitale per famiglie numerose ha una validità di 2 anni.

Sulla carta si trova sia il codice del Comune che l’ha emessa che il numero progressivo della carta, i dati anagrafici dell’intestatazione, il luogo di emissione e le date di validità.

La famiglia beneficiaria per fruire degli sconti della carta famiglia deve esibirla presso i negozi, strutture pubbliche e private convenzionate che aderiscono all’iniziativa, insieme al documenti di riconoscimento.

I negozi carta famiglia con bollino in vetrina “Amico di famiglia” prevedono uno sconto pari o superiori al 5% rispetto al prezzo di listino;

I negozi con bollino “Sostenitore della famiglia”: prevedono uno sconto pari o superiore al 20%;.

Un elenco verrà fornito sul sito web del Ministero del lavoro con tutti i soggetti che hanno sottoscritto la convenzione.

Agevolazioni

La Carta consente l’accesso a sconti sull’acquisto di beni o servizi, ovvero a riduzioni tariffarie concesse dai soggetti pubblici o privati che intendano contribuire all’iniziativa relativamente agli abbonamenti famiglia per i trasporti pubblici, per ottenere sconti sull’acquisto di beni e servizi sia pubblici che privati che aderiranno all’iniziativa, bonus spesa, riduzione delle tariffe da parte di soggetti pubblici o privati, sconti sull’acquisto di biglietti e abbonamenti famiglia anche per cultura, sport e turismo.

Nello specifico le spese ammesse con la Carta famiglia 2019 sono:

  • beni alimentari;
  • prodotti alimentari;
  • bevande analcoliche

Beni non alimentari:

  • prodotti per la pulizia della casa
  • l’igiene personale
  • articoli di cartoleria e di cancelleria;
  • libri e sussidi didattici;
  • medicinali, prodotti farmaceutici e sanitari;
  • strumenti e apparecchiature sanitari;
  • abbigliamento e calzature.

Servizi:

  • fornitura di acqua, energia elettrica, gas e altri combustibili per il riscaldamento;
  • raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani (Tari);
  • servizio di trasporto, servizi ricreativi e culturali, musei, spettacoli e manifestazioni sportive;
  • palestre e centri sportivi;
  • servizi turistici, alberghi e altri servizi di alloggio, impianti turistici e del tempo libero;
  • servizi di ristorazione, servizi socioeducativi e di sostegno alla genitorialità;
  • istruzione e formazione professionale.

In ogni caso, gli sconti e/o le riduzioni concesse devono essere almeno pari al cinque per cento del prezzo offerto al pubblico.

Scarica fac/simile domanda.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento