Scade domani la domanda per il sostegno e la tutela dei disabili “Dopo di Noi”

Di 24 Settembre, 2018 0 0

Pubblicato sul sito del comune lo schema di domanda per il sostegno e tutela dei disabili, ‘Dopo di noi’, diventato legge il 22 giugno 2016 per garantire il benessere, l’inclusione sociale e l’autonomia.

Il Fondo serve per incentivare la realizzazione di programmi innovativi di residenzialità, in particolare il co-housing, soluzione alloggiativa riservata a gruppi di disabili che possono convivere in piccole residenze con la necessaria assistenza socio-sanitaria e garantire la massima autonomia e indipendenza delle persone disabili, consentendogli per esempio di continuare a vivere nelle proprie case o in strutture gestite da associazioni ed evitando il ricorso all’assistenza sanitaria

Sono previsti sostegni anche a privati, enti e associazioni che decidono di stanziare risorse per i disabili.

Obiettivo principale è che ogni disabile sia al centro di un progetto individuale che garantisca il suo futuro, che dia tranquillità alle famiglie. Tra i provvedimenti concreti ci sono la detraibilità delle spese al momento della dichiarazione dei redditi per la stipula di polizze assicurative a tutela dei disabili gravi oltre ad esenzioni e agevolazioni fiscali per i beni conferiti in trust o gravati da vincoli di destinazione. È previsto in particolare l’esonero totale dal pagamento dell’imposta di successione e donazione, se la finalità del trasferimento (anche un testamento) è “l’inclusione sociale, la cura e l’assistenza delle persone con disabilità”.

Il ‘Dopo di noi’ stabilisce la creazione di un fondo per l’assistenza e il sostegno ai disabili privi dell’aiuto della famiglia e agevolazioni per privati, enti e associazioni che decidono di stanziare risorse a loro tutela. Sgravi fiscali, esenzioni e incentivi per la stipula di polizze assicurative, trust e su trasferimenti di beni e diritti post-mortem.

Il Fondo, si legge nell’articolo tre della legge n° 2232, è compartecipato da regioni, enti locali e organismi del terzo settore. Avrà una dotazione triennale di 90 milioni di euro per il 2016, 38,3 milioni per il 2017 e 56,1 milioni dal 2018.

Per la regione Abruzzo il fondo per il 2016 era di 1.980.000 euro, ridotti a 842.600 per il 2017.

Le agevolazioni fiscali previste dalla norma sono di due tipi: detrazioni sulle spese sostenute per sottoscrivere polizze assicurative e contratti a tutela dei disabili gravi. Esenzioni e sgravi su trasferimenti di beni dopo la morte dei familiari, costituzione di trust e altri strumenti di protezione legale. Dal 31 dicembre 2016 per i premi assicurativi sul «rischio di morte finalizzato alla tutela delle persone con disabilità grave accertata» l’importo scaricabile passa da 530 a 750 euro.

La domanda dovrà rendersi utilizzando il modello “A” corredata della documentazione richiesta (certificato L’104 art. 3 comma 3, documento d’identità del richiedente, Isee ordinario, dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 dei requisiti di cui alla lettera c), punto 3 dell’art. 1 dell’avviso e altra documentazione utile) e consegnata a mano, per raccomandata all’ufficio protocollo dell’ECAD, Comunità Montana Montagna Marsicana dell’Ambito Distrettuale Sociale n.2 Marsica o via pec montagna marsicana@pec.it entro e non oltre il giorno 25.09.2018.

Nessun Commento Presente.