Parte il bando “Resto al Sud”

Di 15 Gennaio, 2018 0 0

Parte oggi alle 12 la possibilità di presentare le domande per il bando “Resto al Sud”. Si tratta di un mix di contributi a fondo perduto e finanziamento agevolato con l’obiettivo di spingere i giovani a rimanere nelle proprie regioni natie. I potenziali beneficiari dovranno essere dotati di un indirizzo di posta elettronica, disporre della firma digitale e registrarsi alla piattaforma raggiungibile al sito internet www.invitalia.it. La domanda è costituita da un progetto imprenditoriale da compilare sulla piattaforma e dovrà essere corredata da atto costitutivo e statuto (oltre che altri documenti). Nel caso di persone fisiche la domanda potrà essere accompagnata inizialmente dal solo progetto imprenditoriale (ma non potranno essere titolari di un contratto a tempo indeterminato presso un altro seggetto) mentre in tutti gli altri casi la documentazione è più corposa (dati societari, profilo del soggetto, descrizione dell’attività, analisi dei competitor ecc).

Le richieste di agevolazione devono essere presentate dai soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni (sono esclusi chi alla data del 21.06.2017 risultano già titolari di impresa o già ricevono misure a favore dell’autoimprenditorialità).

Il punteggio minimo è di 12 mentre il massimo è di 20. I criteri riguardano l’adeguatezza e coerenza delle competenze possedute dai soci, la capacità dell’iniziati di presidiare gli aspetti del processo tecnico-produttivo e organizzativo e la potenzialità del mercato di riferimento, la sostenibilità tecnico-economica dell’iniziativa e la verifica della sussistenza dei requisiti per la concedibilità della garanzia del Fondo per le pmi.

Il finanziamento massimo è di 200 mila per impresa o 50 mila per soggetto. Sono ammesse le spese per ristrutturare gli immobili, per l’acquisto di macchinari nuovi e programmi informatici, spese di funzionamento (fino al 20%) il tutto concesso in regime “de minimis” ovvero 35% a fondo perduto del programma di spesa e 65% garantito dal Fondo di Garanzia, con interessi coperti dall’agevolazione e durata di otto anni di cui due di preammortamento.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento