L’incubo del pareggio di bilancio incombe sui comuni

Di 1 Settembre, 2015 0 0

Bilancio comunale 150 Nel 2012 l’allora Governo Monti, nel recepire i diktat dell’Europa, approvò la Legge Costituzionale 1/2012, seguita nel giro di qualche mese dalla Legge attuativa che ne disciplinava i contenuti (Legge 243/2012) che, se pur già in vigore dal 1° gennaio 2014 per i conti dello Stato (anche se a tutti gli effetti ancora non è rispettata e rinviata di anno in anno), è stata posticipata al 1° gennaio 2016 per le Regioni e gli enti locali.

Difficilmente questa Legge potrà essere modificata con una norma dell’ultimo minuto poiché è una Legge “rinforzata” ossia votata con sia dalla Camera che dal Senato a maggioranza assoluta dei componenti e che quindi per poter essere cambiata richiede lo stesso iter, che oggi è tutt’altro che scontato.

Ma cosa prevede la Legge attuativa? Obbliga a perseguire l’equilibrio dei conti sia tra le entrate e spese finali (al netto delle partite finanziarie quali rimborsi o concessioni di crediti, vendita o acquisto partecipazioni etc), sia tra le entrate e spese correnti. Entrambi devono poi essere valutati sia in termini di competenza (accertamento per quanto riguarda le entrate e impegni per quanto riguarda le spese) sia in termini di cassa (gli incassi e i pagamenti), e analizzate sia durante la stesura del bilancio preventivo che consuntivo (definitivo).

Il problema è proprio trovare il pareggio di “cassa” visto che ad oggi oltre la metà dei comuni non lo rispetta (con molte probabilità anche il nostro comune è nella metà “cattiva”). Inoltre ad aggravare la situazione c’è che la stessa Legge 243 prevede “che agli enti territoriali possano essere imposti ulteriori obblighi oltre a quello del pareggio di bilancio”. In poche parole è molto probabile che resterà comunque in vigore il “patto di stabilità” quello che tra le altre cose obbliga le amministrazioni a registrare un avanzo di amministrazione cioè impone ai Comuni di spendere meno di quanto incassano, generando così una piccola plusvalenza.

Infine con la stessa Legge si mette a freno l’indebitamento dell’ente che sarà possibile solo garantendo il rispetto del “pareggio di cassa” (non di competenza ossia sulle potenzialità di incassare del comune ma su ciò che effettivamente incassa).

Vedremo quindi se la Legge verrà mantenuta integra e quali conseguenze si avranno con il bilancio preventivo del prossimo anno.

Non ci reste che attendere.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.