L’immobile “inutilizzabile” è esente dalla tassa rifiuti

Di 9 Settembre, 2015 0 0

Tubi rotti 150Con una recente sentenza (n.2361) la Commissione Tribunale Regionale di Roma  ha annullato ad un contribuente ben sei avvisi di accertamento relativi alla Tarsu (oggi Tari). Inizialmente la richiesta di annullamento era stata respinta perché per l’esenzione non è sufficiente che l’immobile sia inutilizzato anche se si producono prove documentali (bassissimi consumi energetici e praticamente nulli di gas).

Tuttavia in sede di appello il contribuente presentava le prove di “inutilizzabilità” dell’immobile dimostrando che quest’ultimo necessitava di interventi edili, idraulici e/o elettrici per ripristinarne il normale utilizzo.

La Commissione, accogliendo la nuova documentazione nonostante non fosse stata presentata in prima istanza così permesso dall’art. 58, comma 2, del D.Lgs n 546/92 che cita “è fatta salva la facoltà delle parti di produrre nuovi documenti”, riconosceva quindi l’esenzione dell’immobile secondo quanto stabilito dall’art. 62, comma 1, D.Lgs n. 507/93 “(«non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti (…) perché risultino in condizioni di non utilizzabilità nel corso dell’anno, qualora tali circostanze siano debitamente riscontrate in base a elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione»)”.

È importante distinguere quindi l’inutilizzazione, che non comporta la decadenza dell’imposta (dimostrabile ad esempio con l’assenza di consumi) e l’inutilizzabilità, ossia una condizione tale che l’immobile per essere abitato necessita di interventi straordinari di tipo edili, idraulici e/o elettrico.

Nel caso specifico il contribuente aveva presentato documenti che dimostravano l’inutilizzabilità dell’immobile dovuta a gravi infiltrazioni d’acqua che richiedevano notevoli interventi di ripristino (edili, idraulici e/o elettrici), implicando che non vi erano quindi le condizioni minime per l’abitabilità normale senza il compimento di interventi di adeguamento funzionale dell’immobile.

Quindi se avete le prove documentali a dimostrazione dell’inutizzabilità dell’immobile ma avete comunque pagato l’imposta, potete presentare istanza di rimborso all’ufficio tributi del vostro comune, il quale dopo aver verificato la correttezza della documentazione sarà obbligato a restituirvi i soldi versati erroneamente.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche imposte esternamente, se legittimamente valide, vengono evidenziate e commentate.
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e perché no, contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate e di tenervi al passo con le numerose modifiche che nel tempo si susseguono.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento