Scatta l’obbligo di montare sulle proprie auto i pneumatici invernali

Di 15 Novembre, 2017 0 0

Come ogni anno il 15 Novembre scatta l’obbligo di montare sulle proprie auto i pneumatici invernali o in alternativa avere a bordo  delle fasce da neve (o catene) omologate (articolo 6 del Codice della Strada introdotto dalla legge n.120 del 29 luglio 2010).

Gli enti locali però hanno facoltà di poter decidere quali tratti possono essere soggetti a questa normativa (di seguito riportiamo  l’elenco rilasciato dall’ANAS che riguarda le nostre strade).

Ricordiamo che in caso di mancato rispetto della normativa nelle state segnalate si incorre in una sanzione amministrativa, nei centri abitati si va da un minimo di 41 euro ad un massimo di 168 euro.

Fuori dai centri abitati la sanzione minima sale ad 84 euro mentre la massima a 335 euro.

Riportiamo le sanzioni solo per dovere di cronaca, la cosa più importante in questo caso è la sicurezza, quindi munitevi di pneumatici con la dicitura M+S (Mud+Snow, Fango+Neve) o di catene omologate.

Nel dettaglio, i tratti interessati sono (elenco trasmesso dall’ANAS):

  • Raccordo Autostradale 12 “Chieti-Pescara”: intera estensione dal km 0,000 (Chieti) al km 14,700 (Pescara);
  • Strada statale 5 “Via Tiburtina Valeria”: dal km 65,000 (località Oricola) al km 70,000 (località Carsoli), in provincia dell’Aquila, e dal km 98,200 (località Tagliacozzo, in provincia dell’Aquila) al km 216,600 (località Brecciarola, nel comune di Chieti);
  • Strada statale 5quater “Via Tiburtina Valeria”: dal km 0,000 (località Carsoli) al km 26,020 (località Tagliacozzo), in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 16 “Adriatica”: dal km 391,800 (località Martinsicuro, provincia di Teramo) al km 439,500 (località Montesilvano, provincia di Pescara) e dal km 459,430 (località Ponte Foro) al km 524,600 (località S. Salvo Marina), in provincia di Chieti;
  • Strada statale 16dirC “del Porto di Pescara”: intera estensione dal km 0,000 (innesto Raccordo Autostradale 12 “Chieti-Pescara”) al km 3,300 (Porto di Pescara);
  • Strada statale 17 “dell’Appennino Abruzzese ed Appulo Sannitico”: dal km 12,250 (località Sella di Corno) al km 68,592 (località Navelli) e dal km 88,287 (bivio per Corfinio) al km 151,035 (località Castel di Sangro), in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 80 “del Gran Sasso d’Italia”: dal km 4,480 (bivio per Coppito, in provincia dell’Aquila) al km 98,950 (comune di Giulianova, in provincia di Teramo);
  • Strada statale 80 Racc. “di Teramo”: intera estensione dal km 0,000 (Teramo) al km 17,341 (località Mosciano Sant’Angelo) in provincia di Teramo;
  • Strada statale 80Var “Variante di Teramo”: intera estensione, dal km 0 al km 5,526, a Teramo;
  • Strada statale 81 “Piceno Aprutina”: dal km 11,498 (località Villa Lempa, in provincia di Teramo) al km 185,900 (località Casoli, in provincia di Chieti);
  • Strada statale 83 “Marsicana”: dal km 75,815 (località Alfedena) al km 81,000 (località Ponte Zittola), in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 84 “Frentana”: dal km 50,320 (località Casoli) al km 57,000 (località Selva di Altino), in provincia di Chieti;
  • Strada statale 150 “della Valle del Vomano”: intera estensione dal km 0,000 (località Roseto degli Abruzzi) al km 37,470 (località Montorio al Vomano), in provincia di Teramo;
  • Strada statale 153 “della Valle del Tirino”: intera estensione dal km 0,000 (località Bussi sul Tirino, in provincia di Pescara) al km 23,800 (località Navelli, in provincia dell’Aquila);
  • Strada statale 158 “della Valle del Volturno”: dal km 0,000 (località Alfedena) al km 7,228 (località Valico S. Francesco) in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 260 “Picente”: dal km 0,000 (località Cermone, provincia dell’Aquila) al km 29,462 (località Roccapassa, al confine tra Abruzzo e Lazio, in provincia di Rieti);
  • Strada statale 650 “di Fondo Valle Trigno”: dal km 43,350 (località Madonna del Canneto, al confine tra Abruzzo e Molise) al km 78,400 (località San Salvo Marina, in provincia di Chieti);
  • Strada statale 652 “di Fondo Valle Sangro”: dal km 12,250 (località Castel di Sangro, in provincia dell’Aquila) al km 82,900 (località Fossacesia, in provincia di Chieti);
  • Strada statale 684 “Tangenziale Sud dell’Aquila”: intera estensione dal km 0,000 al km 4,940, all’Aquila;
  • S.S. 684 dir “Tangenziale Sud dell’Aquila”: intera estensione dal km 0,000 (innesto Via Mausonia) al km 1,100, (innesto S.R. 17 ter) all’Aquila.
  • Strada statale 690 “Avezzano-Sora”: dal km 0,000 (località Avezzano) al km 39,350 (località Balsorano) in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 696 “del Parco Regionale Sirente Velino”: dal km 0,000 (località Tornimparte) al km 51,000 (località Celano), in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 696 dir “Vestina”: dal km 2,735 (località Celano) al km 6,700 (località Paterno) in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 696 dir A “Vestina”: intera estensione dal km 0,000 al km 0,460 (località Celano), in provincia dell’Aquila;
  • Strada statale 714 “Tangenziale di Pescara”: intera estensione dal km 0,000 (località Montesilvano, in provincia di Pescara) al km 24,177 (località Francavilla, in provincia di Chieti);
  • Strada statale 714dir: intera estensione dal km 0,000 al km 1,300 (località Montesilvano, in provincia di Pescara);
  • Strada statale 714dirA: intera estensione dal km 0,000 al km 0,370 (Pescara);
  • Strada statale 714dirB: intera estensione dal km 0,000 (località Foro Morto) al km 1,300 (innesto autostrada A14), in provincia di Chieti;
  • NSA 253 (ex strada statale 17 – Variante di Rocca Pia), nei due tratti di competenza Anas: dal km 0,000 al km 2,100 (località Rocca Pia) e dal km 0,000 (località Rocca Pia) al km 3,850 (Galleria 5 miglia), in provincia dell’Aquila;
  • NSA 296 (ex strada statale 80 Racc.): dal km 3,090 al km 5,090, località S. Nicolò a Tordino, in provincia di Teramo.

L’obbligo è segnalato su strada tramite apposita segnaletica verticale ed ha validità anche al di fuori dei periodi indicati, in caso di condizioni meteorologiche caratterizzate da precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento