Detrazione del 65% sugli interventi anti-sismici

Di 14 Settembre, 2016 0 0

terremoto-150Fino al 31 dicembre 2016 è possibile usufruire del riconoscimento della detrazione fiscale del 65% per gli interventi sostenuti di adozione di misure antisismiche su costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive (ovvero che svolgono attività agricole professionali, produttive di beni e servizi, commerciali o non commerciali) che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità, ovvero tutti gli immobile si trova in zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2), se adibite ad abitazione principale o ad attività produttive.

La detrazione è pari al 65% delle spese effettuate dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2016, e l’ammontare massimo delle spese ammesse in detrazione non può superare l’importo di 96 mila euro per unità immobiliare (da ripartire in 10 quote annuali di pari importo) e possono usufruire sia i soggetti passivi Irpef, sia i soggetti Ires, sempre che le spese siano rimaste a loro carico e possiedano o detengano l’immobile in base a un titolo idoneo (e cioè diritto di proprietà o altro diritto reale, contratto di locazione, o altro diritto personale di godimento).

La classificazione sismica dell’Italia ha introdotto quattro zone di pericolosità sismica decrescente:

  • Zona 1: è la zona più pericolosa, dove possono verificarsi forti terremoti (rientra nella detrazione 65% adeguamento sismico edifici esistenti);
  • Zona 2: nei comuni inseriti in questa zona possono verificarsi terremoti abbastanza forti (rientra nella detrazione 65% adeguamento sismico);
  • Zona 3: i comuni inseriti in questa zona possono essere soggetti a scuotimenti modesti;
  • Zona 4: è la zona meno pericolosa.

Nella detrazione del 65% oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori rientrano:

  • le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse;
  • l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunzie di inizio lavori;
  • le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi del dm 37/2008 – ex legge 46/90 (impianti elettrici) e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71);
  • gli oneri di urbanizzazione;
  • le spese per prestazioni chieste dal tipo di intervento;
  • le spese per l’acquisto dei materiali;
  • il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti;
  • le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi;
  • gli altri eventuali costi strettamente collegati alla realizzazione degli interventi nonché agli adempimenti stabiliti dal regolamento di attuazione degli interventi agevolati.

Per usufruire della detrazione fiscale è sufficiente riportare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile oltre alla comunicazione all’Asl, le fatture e le ricevute comprovanti le spese sostenute, le ricevute dei bonifici di pagamento, eventuale dichiarazione di consenso del possessore dell’immobile all’esecuzione dei lavori, le ricevute di pagamento dell’imposta comunale (Imu) se dovuta, l’eventuale delibera assembleare di approvazione dell’esecuzione dei lavori (per gli interventi su parti comuni di edifici residenziali) e tabella millesimale di ripartizione delle spese e della domanda di accatastamento (se l’immobile non è ancora censito).

Tutta la documentazione deve essere inviata all’azienda sanitaria locale competente per territorio una comunicazione con raccomandata A.R. la quale dovrà contenere:

  • la natura dell’intervento da realizzare;
  • le generalità del committente dei lavori e ubicazione degli stessi;
  • la data di inizio dell’intervento di recupero;
  • i dati identificativi dell’impresa esecutrice dei lavori .
Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento