Nessun permesso di costruzione per il piccolo muro di cinta

Di 5 Febbraio, 2016 0 0

Muro di cinta 150Interessante sentenza del consiglio di Stato (Sezione VI 4 gennaio 2016, nr.10) secondo il quale un piccolo muro di contenimento, anche se poi si erge di poco sopra il terreno, non necessità di alcun permesso di costruire ma di una semplice DIA (dichiarazione di inizio attività), sostituita nella maggior parte dei casi dalla SCIA (segnalazione certificata di inizio attività).

Ma ricostruiamo la vicenda. Un’amministrazione ordina ad un privato la demolizione di un muretto di recinzione, che fungeva anche da muro di confine, sul quale era stata posta una rete metallica. Inizialmente il privato ricorre al Tar adducendo che il muro in questione funge anche ad muro di contenimento e che se pur termina al di sopra della linea di campagna non costituisce un rilevante impatto urbanistico. Il Tar respinge il ricorso del privato proprio per la non esclusiva proprietà di contenimento del muro che funge anche da muro di confine che supera, se pur di poco, il piano di campagna. Il privato ricorre al Consiglio di Stato.

I Giudici stabiliscono che il muro è comunque abusivo in quanto non svolge unicamente la funzione di contenimento, ma assolve anche la funzione di muro di confine che termina tra l’altro al di sopra del piano di campagna.

Tuttavia i stessi Giudici evidenziano come per il Testo Unico dell’edilizia (D.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) non specifica se il muro di cinta necessiti di un permesso di costruire o di una semplice dichiarazione di inizio attività. In considerazione del fatto che in una precedente sentenza dello stesso Consiglio di Stato (Sezione IV, 3 maggio 2011, n. 2621) si era stabilito che la realizzazione di muri di cinta di modesta entità (altezza e corpo) possono essere dichiarati tramite una semplice DIA (oggi SCIA), accolgono il ricorso e annullano l’ordinanza di demolizione in quanto non prevista dalla DIA, in caso di violazione, prevedendo la sola sanzione pecuniaria.

Ma cosa è la DIA (oggi SCIA)?.

È sostanzialmente un’autodichiarazione del committente dei lavori, accompagnata da una relazione asseverata da un tecnico (oltre i vari documenti da allegare), che consente alle imprese di iniziare, modificare o cessare un’attività produttiva (artigianale, commerciale, industriale), senza dover più attendere i tempi e l’esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti.

La SCIA deve essere presentata prima dell’inizio (o della modifica, sospensione, ripresa, cessazione) dell’attività. Trattandosi di dichiarare consapevolmente e responsabilmente il possesso di requisiti soggettivi e oggettivi, è evidente che la tempistica di presentazione della SCIA è rapportata alla concreta configurazione dell’attività.

La SCIA si trasmette all’ufficio tecnico del proprio comune esclusivamente in modalità telematica e quindi dematerializzata, in forma di autocertificazione (dichiarazione sostitutiva di certificazione e/o atto di notorietà) che deve essere compilata fornendo le indicazioni richieste dagli schemi di modulistica unificata. Qui troverete il modulo standard fornito dal Ministero della Funzione Pubblica.

E’ importante sottolineare che ogni pubblica amministrazione destinataria di una SCIA deve accertare, entro 60 giorni dal ricevimento, il possesso e la veridicità dei requisiti dichiarati, adottando, in caso negativo, i dovuti provvedimenti per richiedere la conformazione dell’attività oppure, qualora ciò non sia possibile, vietare la prosecuzione dell’attività e sanzionare, se necessario, l’imprenditore che si fosse reso responsabile delle dichiarazioni mendaci.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche imposte esternamente, se legittimamente valide, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
 

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento