Trasferiti i soldi alle Regioni per il contributo per i libri scolastici

Di 24 Novembre, 2015 0 0

LibriDal 18 novembre è iniziato il pagamento, a favore delle regioni e delle province autonome, del contributo per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2015/2016, secondo i criteri di ripartizione stabiliti dal ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con decreto 24 giugno 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 luglio 2015 n. 161, decreto nel quale il MIUR – Direzione Generale per lo Studente, l’integrazione e la Partecipazione –  aveva ripartito tra le regioni lo stanziamento di 103 milioni di euro per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo a favore degli alunni meno abbienti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

La ripartizione per il corrente esercizio finanziario 2015 è stata definita secondo le tabelle allegate al decreto 24 giugno 2015 e prevede l’attribuzione di 25.750.000 euro per la scuola secondaria superiore e 77.250.000 per le scuole dell’obbligo.

Il contributo andrà alle famiglie con reddito disponibile netto, inclusi i fitti figurativi, inferiore a 15.493,71 per regione. Per la nostra Regione si è stimata una percentuale di famiglie in disagio economico pari al 21% che, per la scuola secondaria superiore corrispondono a 32.069 alunni, i quali riceveranno un totale di 780.525€ di contributi. Per le scuole dell’obbligo, sempre considerando una percentuale di famiglie con reddito inferiore ai 15.493,71€ pari al 21% delle famiglie, si è stimato un numero complessivo di studenti pari a 60.043 i quali riceveranno un contributo complessivo di 2.196.793€. Successivamente verranno quantificati i contributi assegnati dalla Regione Abruzzo al nostro comune che probabilmente terranno in considerazione le domande degli anni precedenti.

Ricordiamo che il contributo potrà consistere nel rimborso parziale o totale della spesa documentata sostenuta dalle famiglie oppure nel finanziamento da erogare alle scuole per l’acquisto di libri di testo da dare in comodato d’uso gratuito alle famiglie in difficoltà.

Se la procedura è la stessa degli anni precedenti il contributo sarà distribuito in base alle fasce di reddito dei richiedenti e a dimostrazione della spesa sostenuta dovrà essere presentato almeno una fattura rilasciata dal libraio ovvero uno scontrino fiscale rilasciato dal libraio ovvero una dichiarazione del libraio attestante i testi acquistati con relativi costi.

L’anno scorso il bando è stato pubblicato il 17 dicembre, presumiamo che anche quest’anno possa cadere nello stesso periodo. Chi ne fosse interessato può contattare (0863-950741 o tramite pec sd@comune.balsorano.aq.it) il responsabile dei servizi demografici Sig. Antonio Villa, il quale vi potrà fornire tutte le informazioni in merito.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche imposte esternamente, se legittimamente valide, vengono evidenziate e commentate.
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e perché no, contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate e di tenervi al passo con le numerose modifiche che nel tempo si susseguono.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento