La manutenzione stradale (insidia e mancata custodia)

Di 21 Ottobre, 2015 0 0

Buca 150 Per le insidie stradali si fa riferimento a due articoli del codice civile, l’articolo 2043 e l’articolo 2051. L’articolo 2043 cita “Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”. L’articolo 2051 cita “ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito”. Per il primo l’onere della prova è a carico del danneggiato che dovrà dimostrare che il danno è riconducibile alla condotta del danneggiatore, il secondo prevede che il danneggiante dovrà, per esimersi da responsabilità, dimostrare che è riconducibile ad un caso fortuito.

I fatti riguardano la presenza di una enorme buca che aveva provocato la caduta di una signora ipovedente. In primo grado la pretesa veniva rigettata. In secondo grado veniva riconosciuto un concorso di colpa e una corresponsabilità del 50% perché secondo il giudice vi era sia una mancanza da parte del comune che non aveva provveduto al ripristino, sia una mancanza da parte dell’anziana donna che nonostante fosse ipovedente aveva comunque deciso di attraversare la strada non essendo in grado di ravvisare il pericolo. Rigettava al contempo la richiesta sollevata dalla signora che chiedeva la condanna anche secondo l’articolo 2051 precedentemente citato.

La causa finisce in Cassazione che conferma la decisione del giudice d’appello e dichiarano che gli articoli prevedono un diverso tipo di accertamento che si fonda su una diversa attribuzione dell’onere probatorio. Difatti, nel caso dell’articolo 2043 del Cc, si tratta di dover accertare se sia stato attuato un comportamento dal quale sia derivato un pregiudizio a terzi; nel caso dell’articolo 2051 del Cc, bisogna invece prescindere dal profilo del comportamento del custode, elemento estraneo alla struttura della fattispecie nella quale «il fondamento della responsabilità è costituito dal rischio, che grava sul custode, per i danni prodotti dalla cosa che non dipendano dal caso fortuito». Ciò vale a dire che se si fonda la domanda sulla responsabilità per danni cagionati da cose in custodia, il custode dovrà dare la dimostrazione del caso fortuito nella produzione del danno.

Da un punto di vista processuale, consegue che una volta proposta la domanda ex articolo 2043, fondata sulle figure di insidia e trabocchetto, non può essere proposta in appello la domanda sulla violazione dell’obbligo di custodia, a meno che l’attore abbia espressamente enunciato l’intenzione di presentare la violazione dell’articolo 2051. Tuttavia la decisione della Cassazione è che l’attribuzione ad entrambi delle colpe così come sentenziato dal giudice di fatti esclude la responsabilità prevista dall’articolo 2051 del c.c.

A breve comunque tratteremo un articolo molto più corposo.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.