I Comuni possono individuare delle aree per l’installazione delle antenne ma non possono vietarle

Di 25 Settembre, 2015 0 0

Telecomunicazioni 150 In una recente sentenza del Tar della Sicilia, la n. 2186 del 1 settembre 2015, i giudici hanno dichiarato illegittimo il provvedimento di rifiuto relativo ad una richiesta di autorizzazione per l’istallazione di un impianto di telefonia mobile perché non rispettava alcuni obblighi imposti da un apposito regolamento comunale.

Il tribunale aveva dichiarato illegittima la parte in cui il regolamento prevede un divieto assoluto di localizzare tali infrastrutture di comunicazione entro una distanza minima da tutte le aree urbanizzate del territorio comunale, nonché dal centro abitato e dagli edifici pubblici privati ritenuti sensibili, rendendo di fatto impossibile la realizzazione degli impianti stessi al fine di una copertura di rete più capillare.

In particolare, nonostante la società istallatrice avesse ottenuto tutte le autorizzazioni, il Comune ne aveva, per due volte, respinta la richiesta in quanto in contrasto con il regolamento comunale che prevedeva una distanza minima dalle aree sensibili (scuole, ospedali, case di cura) e dal centro urbano di non meno di 50 metri, limite poi portato a 200 metri.

Il giudice ha rilevato che “le infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione siano assimilate alle opere di urbanizzazione primaria e che gli impianti in questione e le opere accessorie occorrenti per la loro funzionalità rivestono carattere di opere di pubblica utilità, ai sensi del Dlgs 1 agosto 2003, n. 259, cd Codice delle comunicazioni elettroniche, che, pertanto, ne prevede la possibilità di localizzazione in qualsiasi parte del territorio comunale, in quanto compatibili con tutte le destinazioni urbanistiche”.

Questo in parte si “scontra” con la competenza delle Amministrazioni locali di prevedere specifiche aree deputate all’insediamento delle infrastrutture di telecomunicazioni, senza tuttavia ostacolarne l’effettiva istallazione e funzionamento, senza imporre limiti legalmente non validi come il caso descritto che ne introduceva uno  relativo alla sola distanza da rispettare dalla abitazioni o dai luoghi “sensibili”.

Restano sempre da rispettare i limiti di esposizione alle emissioni dei campi elettromagnetici introdotti dal D.p.c.m dell’8 luglio 2013 con oggetto “Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz” che non fanno riferimento alle distanze dalle emittenti ma ai valori limite del campo elettromagnetico che garantiscono comunque la salute della popolazione.

Riassumento, il Comune può nella propria facoltà di governo del territorio, decidere delle aree dove questi impianti possono essere istallati, senza sindacare sulle distanze dalle abitazioni e senza impedirne l’istallazione o il corretto funzionamento.

Sembra logico pensare che le modifiche di destinazione delle aree post istallazione antenne che obbligano queste ultime a traslocare altrove, possano essere inefficaci e opponibili in sede giudiziaria (sarebbe più logico attendere la scadenza della concessione).

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.