Nessun incentivo al personale per gli accertamenti IMU

Di 7 Agosto, 2015 0 0

Money Fly 150 Gli incentivi per gli uffici comunali sono previsti fin dal 1996 quando con l’introduzione dell Legge 662/1996, all’articolo 3 comma 57, si stabiliva che “una percentuale del gettito dell’imposta comunale sugli immobili poteva essere destinata al potenziamento degli uffici tributari dei comuni” e restava facoltà del comune destinare questa quota al potenziamento dell’ufficio sia in termini di risorse strumentali che di risorse umane.

Con l’introduzione del Decreto 446/1997 dove il Governo introdusse l’imposta regionale sulle attività produttive e l’addizionale regionale all’Irpef, si permetteva nel contempo ai comuni di prevedere nei regolamenti ICI l’attribuzione di compensi incentivanti al personale addetto all’ufficio tributi, relativo all’attività di recupero dell’imposta. Con l’introduzione dell’IMU nel 2012 lo Stato aveva mantenuto questa possibilità.

Ma con l’emanazione della Legge n. 44/2012 (conversione del decreto legge n. 16/2012 sulle semplificazioni fiscali) ha eliminato il riferimento all’art. 59 del D. Lgs 446/97 annullando di fatto l’incentivo sull’attività di recupero.

La Corte dei Conti (Veneto deliberazione 22 del 2013), interpellata sulla materia, ha ribadito che il Comune “non è autorizzato a prevedere compensi incentivanti per gli accertamenti IMu in favore del personale dipendente, poiché nulla è dovuto, oltre al trattamento economico fondamentale ed accessorio stabilito dai contratti collettivi al dipendente che ha svolto una prestazione che rientra nei suoi doveri d’ufficio”. Principio che la corte dichiara valido anche per la Tarsu (Tari) per la quale non è previsto alcun incentivo ai dipendenti (come stabilito dalla Corte dei Conti della Lombardia con la deliberazione n. 577/2011).

Neanche in fase di contrattazione decentrata è possibile prevedere misure incentivanti in quanto questa è “molto rigorosa” e ammette incrementi solo in caso di attivazione di nuovi servizi o di nuovi processi di riorganizzazione, comunque tutto entro limiti ben precisi.

Diversamente dall’IMU non esiste alcun vincolo sull’erogazione degli incentivi ICI, visto che l’art. 59 sopra descritto è ancora valido ai fini ICI la cui attività di accertamento può essere effettuata “entro il 31 dicembre del 5° anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati”, così come stabilito all’art. 1 comma 161 della Legge 296/2006.

Dovrebbe restare in vigore il fondo incentivante riservato al personale dell’ufficio relativo all’imposta (tutti sappiamo che corrisponde ad una percentuale dell’introito generato) ma nessun conosce a quanto ammonta anche se dovrebbe essere espressamente indicato nel regolamento ICI del comune oltre che nel “regolamento di valutazione delle performance” e nel “regolamento degli uffici e dei servizi”. Ma a quanto pare non vi è alcuna nota di merito.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.