La rinegoziazione dei mutui ….

Di 23 Dicembre, 2014 0

Soldi

La “rinegoziazione” del mutuo è la modifica di alcune clausole contrattuali, per esempio la durata residuale del rimborso o il tipo di tasso applicato, di un contratto che continuerà a sussistere.

La modalità di rinegoziazione prevede l’allungamento della durata residua dei mutui in essere fino al punto in cui la rata si riduce ai livelli richiesti e consente, in seguito a mutate condizioni finanziarie, di ridurre il peso di una situazione tendenzialmente insostenibile. E’ sempre un’operazione economicamente svantaggiosa ma se svolta con criterio è comunque giudicata in chiave assolutamente positiva.

Mutui 2010-2014

Il 22 novembre 2014 è stata pubblicata la Delibera del Consiglio Comunale n. 32, con oggetto: “rinegoziazione dei mutui concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti”. Tale delibera, presentata dalla maggioranza senza possibilità di modifiche, prevede sostanzialmente ritocchi sulla percentuale degli interessi applicati sui mutui e una maggiore dilazione nel tempo, in particolare le scadenze dei mutui contratti prima del 2012 vengono fatte slittare al 2044 (in alcuni casi portando il residuo degli anni da 11,5 a 29,5, quindi triplicandone la durata), mentre per quelli contratti tra il 2012 e il 2013 vengono sostanzialmente confermati nella scadenza che viene però uniformata al 2034 con le uniche eccezioni relative ai mutui nel 2012 che sono stati contratti con l’interesse record del 6,515% (mai così alti dal 1997), rinegoziati al 5,985%, ma con scadenza posticipata di 10 anni.

Tale rinegoziazione permetterà un risparmio annuo di 63.800€, ed è nata con la premessa (per noi sbagliata) di “creare nuovi spazi finanziari in una situazione generale caratterizzata da una costante riduzione delle risorse a carico dei comuni“. Quindi invece di rinegoziare i debiti per alleggerire il carico fiscale, si è deciso di farlo per avere ulteriori possibilità finanziarie di spesa. Vi abbiamo dimostrato che l’affermazione “costante riduzione delle risorse a carico dei comuni” è vera a metà, perché la voce “entrate” nel bilancio del comune si è consolidata nel 2013 e in quello di previsione del 2014 a 2.250.000€, mai così alta dal 2004 preso come primo anno di riferimento, quando raramente si superavano i 2.000.000€.

Si è quindi già deciso di creare un primo nuovo spazio finanziario attivando un nuovo mutuo di 130.000€, a conferma che questa operazione serve solo a creare ulteriori voci di spesa e non a ridurre il carico fiscale. Ma nessuno regala niente, il risparmio nell’importo delle rate è neutralizzato dall’aumento della quota degli interessi da restituire.

Rinegoziazione 1a 600

Il grafico sopra mostra con le barre blu il rapporto tra il prestito e gli interessi totali da restituire prima della rinegoziazione, mentre con le barre rosse lo stesso rapporto dopo la rinegoziazione. Si nota che questa percentuale cresce con una media del 21,7% con punte che superano il 122%, passando da una media del 65,23% (quindi ad ogni 100.000 € di prestito ne restituivamo 65.230 € sotto forma di interessi) all’86,89% (ad ogni 100.000 € di prestiti se ne restituiremmo 86.890 € di interessi).

Rinegoziazione 1b 600

In quest’altro grafico viene mostrato il totale da rimborsare (prestito+interessi) prima e dopo la rinegoziazione mentre il grafico successivo mostra in dettaglio tali le differenze.

Rinegoziazione 1c 600

Come si vede si passa da piccole modifiche a modifiche più sostanziose che arrivano a costare anche 126.000 € in più. In assoluto le rinegoziazioni analizzate comporteranno un maggior esborso di interessi, anche se l’importo delle rate sarà più attenuato perché il rimborso varrà distribuito su più anni del previsto. Quindi la riduzione dell’importo delle rate annuali di 63.800€ comporterà un maggior esborso finale di ben 710.000 €.

Scarica l’analisi dettagliata

PDF
Articolo revisionato il 05/06/2015 dovuto al fatto che sul sito del Ministero alcune cifre non corrispondono e abbiamo deciso quindi di dare per buone quelle dell'amministrazione.
Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.