Proposta di deliberazione su iniziativa popolare

Di 11 Ottobre, 2014 0

DocumentiCome qualcuno di voi già sa’, stiamo procedendo alla raccolta firme per la richiesta di equiparazione degli immobili concessi in comodato d’uso gratuito ai parenti di primo grado in linea retta ad abitazione principale e quindi soggette alle relative agevolazioni (esenzione o detrazioni). Chiunque vuole partecipare può farlo compilando il modulo sottostante. Anche chi è contro può lasciare un commento.

In questi ultimi anni, come sapete, sono state innalzate sia le aliquote sia il moltiplicatore. La formula per il calcolo dell’IMU (come ricordo i proprietari dell’abitazione principale ne sono esenti) ormai la conoscete, si prende la rendita catastale (se non c’è generalmente si prendono i mq e li si moltiplicano in base al valore predefinito assegnato a quella zona del PRG dove ricade l’immobile) la si aumenta di un 5% (variazione introdotta dal Governo Prodi) e poi la si moltiplica per 160 (grazie al Decreto Salva Italia del Governo Monti, visto che precedentemente quando l’imposta si chiamava ICI, il moltiplicatore era 100). Questo valore lo si moltiplica per l’aliquota ordinaria che è stata aumentata proprio l’anno scorso dall’attuale amministrazione.

Nella tabella qui sotto abbiamo ricostruito le aliquote storiche:

2007 2008-2011 2012 2013 2014
Nome Imposta ICI ICI IMU IMU IMU
Aliquota ordinaria 5,5 ‰ 5,5 ‰ 7,6 ‰ 8,6 ‰ 8,6 ‰
Aliquota abitazione principale 5 ‰ 5 ‰ 4 ‰ 4 ‰ 4 ‰
Esenzione per abit. princ. (escluso cat. A/1, A/8 e A/9) NO SI SI SI SI
Detrazione per abit. princ. (cat. A/1, A/8 e A/9) -103,29 € -103,29 € -200,00 € -200,00 € -200,00 €
Ulteriori detrazioni per abit. princ. cat. A/1, A/8 e A/9 (x numero di figli) NO NO -50,00 € -50,00 € NO
Rivalutazione rendita catastale +5% +5% +5% +5% +5%
Moltiplicatore rendita catastale x100 x100 x160 x160 x160

Dalla tabella si capisce che l’imposta in questi anni si è principalmente trasferita sulle seconde case, termine che include anche quelle che “tecnicamente” non lo sono e che sono in comodato d’uso gratuito. Riassumendo a grandi linee:

  • i proprietari delle abitazioni principali (escluso le categorie catastali A/1, A/8 e A/9) sono esenti dalla tassazione dal 2008;
  • i proprietari delle abitazioni principali che appartengono alle categorie prima escluse (A/1 signorili, A/8 ville e A/9 castelli) hanno visto ridurre l’aliquota, passata dal 5‰ al 4‰ e anche se è aumentato il moltiplicatore (passato da x100 a x160) possono detrarre un importo pari a -200€ sul dovuto e, anche se fino al 2013, hanno potuto detrarre altri -50€ per ogni figlio al di sotto dei 26 anni;
  • coloro che invece vivono in comodato d’uso gratuito si sono visti l’aliquota passare dal 5,5‰ all’8,6‰, e il moltiplicatore passare da x100 a x160, senza diritto ad alcuna detrazione. A peggiorare la questione c’è il fatto che, mentre a tutti gli altri sono concesse detrazioni sulla nuova imposta TASI, coloro che vivono in questi appartamenti dovranno pagare l’aliquota massima, uguale a quella applicata alle altre abitazioni, senza diritto ad alcuna detrazione. L’aliquota totale IMU+TASI pagata da questi “soggetti” è quindi il 9,6‰. In soldoni, in maniera che sia ancora più chiaro. Se ipotiziamo una rendita di 350€ (un normale appartamento di 100mq) questi soggetti fino al 2011 pagavamo 202,12 € di ICI, nel 2012 pagavano 446,88 € di IMU, nel 2013 pagavano 535,68 € (IMU + 30c€ al mq, di queste 60€ sono direttamente imputabili all’aumento dell’aliquota deciso dal Consiglio Comunale nel 2013) e quest’anno pagheranno tra IMU e TASI 564,48 € ossia un +279,28% rispetto al 2011 (+250,2 % se consideriamo la sola imposta sulla casa).

Alla luce di quanto descritto, i sottoscrittori, presentano, ai sensi dell’art. 25 dello Statuto Comunale della Città di Balsorano, l’allegata proposta di deliberazione relativa alla:

“richiesta di equiparazione degli immobili concessi in comodato d’uso gratuito ai parenti di primo in linea retta, ad abitazioni principali (quindi esenzione) o con l’applicazione dell’aliquota agevolata (4‰) e relative detrazioni spettanti alle stesse, ivi incluse le pertinenze collegate (solo categorie C/2, C/7, C/8), ad eccezione di quelli classificati con categoria catastale A/1, A/8 e A/9, con presentazione di apposita autocertificazione”.

Si precisa che con l’applicazione della nuova Imposta Municipale Propria (IMU) entrata in vigore con il D.L. 201/2011 nell’articolo 13, (cosiddetto decreto Salva-Italia) e convertito in legge n. 214/2011, i comuni possono “equiparare all’abitazione principale, ai fini dell’applicazione della suddetta imposta, le unità immobiliari e relative pertinenze, escluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo dell’imposta a parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale. In caso di più unità immobiliari concesse in comodato dal medesimo soggetto passivo dell’imposta, l’agevolazione di cui al primo periodo può essere applicata ad una sola unità immobiliare. Ciascun comune definisce i criteri e le modalità per l’applicazione dell’agevolazione di cui al presente comma, ivi compreso il limite dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) al quale subordinare la fruizione del beneficio”.

Si fa presente che tale beneficio è già concesso dai Comuni di:

  • Civitella Roveto con regolamento IMU, art. 10 , approvato dal Consiglio Comunale di Civitella Roveto il 29.5.2014, che stabilisce: “…immobili dati in comodato d’uso – L’unità immobiliare concessa in comodato a parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale, è assimilata alla abitazione principale. Tale agevolazione può essere applicata per una sola unità immobiliare, limitatamente alla quota di rendita catastale non eccedente il valore di euro 500. Il contribuente deve presentare apposita autocertificazione per usufruire dell’agevolazione suindicata”;
  • Capistrello con regolamento art. 5 – abitazione principale e sue pertinenze, comma 5 “sono considerate abitazioni principali con conseguente applicazione dell’aliquota ridotta e della detrazione per abitazione principale quelle concesse in uso gratuito ai parenti in linea retta entro il primo grado con residenza e dimora abituale nell’abitazione. Per poter beneficiare dell’aliquota ridotta e della detrazione per abitazione principale per gli immobili concessi in uso gratuito ai parenti di primo grado, il soggetto passivo è tenuto a presentare, entro il 31 dicembre dell’anno di utilizzando gli appositi moduli predisposti dal Comune. …. La comunicazione varrà sino al permanere delle condizioni previste”;
  • Avezzano, con regolamento IMU dichiara “… sono equiparate all’abitazione principale, ai fini dell’applicazione della suddetta imposta, le unità immobiliari e relative pertinenze, escluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse, con regolare contratto di comodato d’uso gratuito scritto e registrato, dal soggetto passivo dell’imposta, con reddito ISEE inferiore ad €. 12.000,00, a parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale. In caso di più unità immobiliari concesse in comodato d’uso gratuito dal medesimo soggetto passivo dell’imposta, l’agevolazione di cui al primo periodo può essere applicata ad una sola unità immobiliare”;
  • anche a Sora, a detta di terze persone, queste case sono equiparate ad abitazione principale.

[emailpetition id=”3″]

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.