L’abolizione della Tasi può essere incostituzionale

Di 10 Dicembre, 2015 0 0

Costituzione 150 Secondo la Legge di stabilità 2016, oltre all’IMU verrà esentata anche la Tasi in relazione alle abitazioni principali, altre tipologie di immobili e sui terreni agricoli. Per compensare il minore incasso verranno versati ai comuni 3668 milioni di € che andranno ad incrementare il cosiddetto fondo di solidarietà comunale (un meccanismo di riparto delle finanze pubbliche tra Stato ed Enti locali, mediante l’istituzione di un fondo di solidarietà comunale alimentato da una quota dell’imposta municipale di spettanza dei comuni in maniera da limitare le disuguaglianze tra i Comuni).

Tuttavia molti hanno sollevato dubbi di incostituzionalità in particolare questa esenzione sembra ledere i principi della progressività e della capacità contributiva contenuti nell’art. 53 della Costituzione, visto che nell’applicazione della Tasi il legislatore ha assunto quale parametro di misurazione di tale capacità il valore del patrimonio immobiliare posseduto dai contribuenti.

Nella costituzione infatti non esiste una tutela a favore dell’abitazione principale, come di altre categorie esentate, che possa giustificare una deroga totale al dovere di contribuzione alla spesa pubblica sulla base della propria capacità contributiva.

Criticità che pare rafforzarsi a fronte della natura di tributo locale di scopo della Tasi espressamente finalizzato alla copertura dei costi dei servizi comunali resi a favore della propria collettività.

Paradossalmente, verrebbe sollevato dal dovere di contribuzione proprio chi è tra i maggiori fruitori dei citati servizi visto che per il 2016 viene mantenuta la possibilità per i comuni di conservare un’aliquota complessiva, Imu più Tasi, dell’11,4 per mille tale da determinare una significativa pressione fiscale a carico delle categorie di contribuenti superstiti (pressione per talune categorie insostenibile o sproporzionata rispetto alla fruizione dei citati servizi) e nessuna (o pressoché pari a zero) a carico di altre (abitazione principale, fabbricati e terreni agricoli).

Dunque, il futuro assetto normativo di Imu e Tasi pare presentare profili di sbilanciamento tali da ledere i principi costituzionali del dovere di solidarietà economico-sociale, equità, uguaglianza sostanziale e proporzionalità.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.