La confusione sull’avanzo di amministrazione

Di 29 Ottobre, 2015 0 0

Surplus 150 L’avanzo è il saldo contabile rappresentativo della capacità di estinguere i propri debiti (residui passivi) con le proprie disponibilità liquide (fondo cassa), unitamente alle somme che l’ente ha il diritto di incassare dai propri crediti (residui attivi). Se tale saldo è positivo, si parla appunto di avanzo. Esso rappresenta il risparmio accumulato negli anni grazie all’eccedenza delle risorse disponibili (crediti e fondo di cassa) rispetto ai debiti. In teoria, tale surplus può essere destinato finanziare nuove spese, ma tale possibilità era bloccata dal patto di stabilità.

Ora con l’introduzione del pareggio? Accantonato il Patto, gli enti territoriali dovranno conseguire un saldo non negativo (pari o maggiore di 0) fra entrate finali e spese finali in termini di competenza, ossia tra in entrata si considereranno gli accertamenti dei primi cinque titoli, in spesa gli impegni dei primi tre. In pratica, l’aggregato include sia le entrate e spese correnti che le entrate e spese in conto capitale, cui si aggiungono le partite finanziarie nuove spese, agendo cioè sulla competenza. Al netto delle quote vincolate e accantonate, l’avanzo deve essere prioritariamente utilizzato per coprire debiti fuori bilancio o ripristinare gli equilibri finanziari. In mancanza di tali
esigenze, può finanziare spese di investimento, spese correnti non permanenti e l’estinzione anticipata di prestiti.

Nonostante una recente delibera della Corte dei conti (281/2015 ) ha affermato che è possibile utilizzare l’avanzo di amministrazione per finanziare le spese di investimento. La corte ha specificato che gli avanzi non vincolati, a meno che l’ente locale non abbia disposto anticipi di tesoreria o l’uso di entrate vincolate alla riscossione per finanziare le spese correnti, possono essere usati:

  • per la copertura dei debiti fuori bilancio;
  • per i provvedimenti necessari per la salvaguardia degli equilibri di bilancio di cui all’articolo 193 (pareggio, ndr) ove non possa provvedersi con mezzi ordinari;
  • per il finanziamento di spese di investimento;
  • per il finanziamento delle spese correnti a carattere non permanente;
  • per l’estinzione anticipata dei prestiti, con la facoltà di usare la quota “svincolata” per il fondo crediti di dubbia esigibilità nel bilancio di previsione dell’esercizio successivo.

Il problema è che comunque si aggiungono nuove spese che agiscono sulla competenza e in tal caso non ci sarà un accertamento per controbilanciare l’impegno, per cui il movimento avrà un impatto negativo sul pareggio. Lo conferma, a contrario, lo stesso ddl, che al fine di consentire l’utilizzo di una parte degli avanzi di amministrazione (o il ricorso al debito) per il finanziamento delle spese per l’edilizia scolastica, prevede espressamente l’esclusione di queste ultime dal saldo finale.

Tale misura può contare su una dotazione di appena 500 milioni di euro per il solo 2016: altro che sblocco generalizzato degli avanzi! L’unica, parziale apertura riguarda l’utilizzo della cassa per il pagamento di residui passivi (ossia di impegni già assunti e imputati su esercizi precedenti): essendo il saldo di pura competenza, l’operazione non avrà l’impatto negativo che invece si presenta con il Patto.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.