Secondo voi quale è la scuola sismicamente più vulnerabile?

Di 10 Ottobre, 2016 0

terremoto-150Direte la scuola media. Forse avete sbagliato. Abbiamo trovato diversi documenti se pur datati 2003 presentati nell’ambito del progetto pilota denominato “edilizia scolastica e rischi territoriali” per il quale si erano effettuati diversi sopralluoghi nei complessi scolastici del nostro comune.

Partiamo dalla ormai ex scuola media. Sulla relazione si dichiarava “la scuola oggetto di rilievo, di proprietà comunale, composta da n. 3 unità edilizie che si configurano, all’interno del complesso scolastico, come edifici separati l’uno dall’altro da giunti tecnici.

Due si queste unità edilizie sono state edificate negli anni tra il 1946 e 1960 mentre la parte più recente è stata edificata tra il 1972 ed il 1981. La struttura verticale è del tipo in muratura portante con pietrame. Gli orizzontamenti hanno una struttura portante in soletta in calcestruzzo armato gettata in opera con cordoli in C.A. a tutti i livelli. La copertura è, dal punto di vista tipologico, a due falde con struttura portante in soletta in calcestruzzo armato gettata in opera con cordoli in C.A”.

Nella sezione criticità si dichiara: “al momento del sopralluogo sulla struttura portante si è rilevato un quadro fessurativo esteso per il 10 % del complesso scolastico e un livello massimo del danno valutato di lieve entità”.

Per quadro fessurativo si intende “l’insieme di fessure visibili ed invisibili su un’opera o un elemento strutturale esistente, derivante da uno stato di dissesto o di degrado”.

Ora tutti sappiamo che questa è l’unica scuola chiusa per indice di vulnerabilità a rischio mentre per gli altri ci si è affidati ad un altro tecnico e non ci è stato possibile scoprire il relativo indice di vulnerabilità.

Ma vediamo come venivano descritti gli altri plessi scolastici.

La seconda unità analizzata era la scuola materna edificata negli anni tra il 1970 ed il 1980. “La struttura verticale è del tipo con telai in calcestruzzo armato. Gli orizzontamenti hanno una struttura portante in laterocemento gettato in opera con travetti prefabbricati. La copertura è, dal punto di vista tipologico, a due falde con struttura portante in laterocemento gettato in opera con travetti prefabbricati“.

Nella sezione criticità si dichiara: “al momento del sopralluogo sulla struttura portante si è rilevato un quadro fessurativo esteso per il 20% del complesso scolastico e un livello massimo del danno valutato di lieve entità”. Quindi era a tutti gli effetti più critica della scuola media.

L’ultimo edificio analizzato è la scuola elementare. “Costruita nei primi anni del 1930 ed ampliata negli anni tra il 1946 ed il 1960. La struttura verticale è del tipo in muratura portante con pietrame. Gli orizzontamenti hanno una struttura portante in putrelle di acciaio e tavelloni senza cordoli. La copertura è, dal punto di vista tipologico, a padiglione con struttura portante in soletta in calcestruzzo armato gettata in opera con cordoli in C.A“.

Nella relazione sulla criticità si evidenziava: “al momento del sopralluogo sulla struttura portante si è rilevato un quadro fessurativo esteso per il 30% del complesso scolastico e un livello massimo del danno valutato di lieve entità”. Questa addirittura superava per criticità sia la scuola media che la scuola elementare.

Sarà una falsa sensazione ma effettivamente la scuola che evidenziava più criticità non era l’ex scuola media ma la scuola elementare !!

Ma veniamo ai numeri veri e propri presenti in quelle relazioni,

Unità Edilizia Indice di Vulnerabilità Strutturale (VS) Classe di danno

(Da)

Indice di Rischio Sismico (IRS) Probabilità di collasso annuo (Pca) Frazione di utenti esposti

(Ue)

Danno presunto (D95)
AQMM81201N_A
SCUOLA MEDIA
7 A9 0.0065 0.00021 0.49 0.11
AQMM81201N_B
SCUOLA MEDIA
18 B1 0.011 0.00093 0.51 0.15
AQMM81201N_C
SCUOLA MEDIA
8 A9 0.0059 0.00021 0.48 0.12
AQAA81201D_A
SCUOLA MATERNA
A B1 0.15* 0.0024* 0.67* 0.47*
AQEE81205V_A
SCUOLA ELEMENTARE
36* C0* 0.052 0.00093 0.48 0.24
AQEE81205V_B
SCUOLA ELEMENTARE
14 B0 0.030 0.00093 0.54 0.14

*In rosso i valori con più alto rischio.

È chiaro che la scuola indicata con l’indice di rischio superiore è la scuola elementare e questa viene superata solo in alcuni rischi dalla scuola materna per il semplice fatto che si ospitano bambini non autosufficienti.

A tutti gli effetti la scuola media risultava meno dissestata delle altre due ma sarà l’unica dichiarata, se pur dieci anni dopo, inagibile per un indice di vulnerabilità al di sotto del valore minimo mentre nessuna informazione in merito è uscita per gli altri edifici tra l’altro analizzati da altro tecnico per i quali non è stato reso pubblico alcun l’indice di vulnerabilità né tanto meno l’esito delle verifiche che presumibilmente non sono state eseguite.

La domanda nasce spontanea. Siamo sicuri che sia solo la scuola media ad avere problemi di vulnerabilità sismica?

Infine ma non meno importante, sapete che dall’elenco delle scuole che hanno richiesto finanziamenti dal bando “scuole sicure” il nostro, se pur uno dei pochi che è stato completamente abbandonato con trasferimento delle attività presso altro istituto (comportando migliaia di € di spese ulteriori), è risultato 55esimo su 70 domande presentate.

Forse le altre 54 avevano un indice di vulnerabilità sismica inferiore alla nostra?

Sarebbe interessante sapere quante di quelle 54 scuole sono state chiuse da un giorno all’altro.

Quello che rammarica è la forse eccessiva prudenza per un istituto, tra l’altro in graduatoria molto lontana dai primi, che si contrappone all’eccessiva leggerezza verso gli altri due istituti che, da quanto dichiarato dallo stesso ufficio tecnico, risultavano più a rischio della scuola media. Anche un esponente della maggioranza in un recente post dichiarava “abbiamo due su tre a norma sismica decreto 2008, e a breve anche il terzoed è facilmente presumibile che in realtà tutti gli edifici scolastici abbiano un indice di vulnerabilità prossimo a 0,2 punti e che quindi tutti gli edifici risultavano sismicamente vulnerabili, informazione gravemente tenuta in segreto.

La verità è che sappiamo l’indice di vulnerabilità della scuola media perché è l’unico su cui ci si è concentrati mentre per gli altri due edifici non è stato fatto alcuno studio di vulnerabilità ma per i quali ci si è accontentati di un “lascia passare”, lo stesso che praticamente veniva rilasciato in tutti questi anni alla scuola media che è evidente a tutti non è diventata inagibile improvvisamente l’8 febbraio 2013 ma lo era sempre stata inagibile, ed è altrettanto chiaro che molto probabilmente lo sono anche gli altri due edifici.

La solita trasparenza di questa amministrazione.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerca, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita (senza pretendere permessi pagati “da noi”).

Nessun Commento Presente.