Cittadini e P.A. comunicano via Pec

Di 19 Settembre, 2016 0 0

pec-150 È in vigore dal 14 settembre il nuovo Codice dell’amministrazione digitale (Cad) come modificato ed integrato dal Dlgs 179/2016 con il quale si dettano le regole in materia di domicilio e identità digitale, documenti informatici, firme e pagamenti elettronici. Gli enti hanno quattro mesi ovvero entro il 14 gennaio 2017 per procedere all’aggiornamento delle regole fin oggi vigenti dilatando al contempo l’adeguamento dei propri sistemi di gestione informatica dei documenti

Concetto fondamentale alla base dei rapporti tra amministrazioni e cittadini è innanzitutto il domicilio digitale definito, dalla nuova lettera n-ter) dell’articolo 1 del Cad, come “l’indirizzo di posta elettronica certificata o altro servizio elettronico di recapito certificato qualificato a norma eIdas che consente la prova del momento di ricezione”. Il nuovo articolo 3-bis riconosce infatti ai cittadini la possibilità di indicare, al Comune di residenza, un domicilio digitale che costituisce il mezzo esclusivo di comunicazione da parte delle Pa se pur, a differenza di quanto previsto per imprese e professionisti, la titolarità di una casella di Pec non costituisce un obbligo per i cittadini.

Il nuovo decreto inoltre prevede finalmente la digitalizzazione dei procedimenti (formazione, gestione e conservazione dei documenti devono avvenire in modalità informatica), così come più volte richiesto all’amministrazione che a questo punto sarà costretta a digitalizzare tutti i documenti prodotti ivi compreso la documentazione consegnata al protocollo comunale.

Tuttavia con le ultime modifiche in particolare in riferimento all’articolo 21 del Cad che precedentemente riteneva soddisfatto il requisito della forma scritta di un documento informatico quando sottoscritto con firma elettronica, a prescindere dalla tipologia avanzata, qualificata o digitale utilizzata, con le nuove disposizioni il documento informatico, cui è apposta una firma elettronica, soddisfa il requisito della forma scritta ma resta liberamente valutabile in giudizio.

Il documento sottoscritto con firma elettronica qualificata o digitale ha la stessa efficacia prevista dall’articolo 2702 del Codice civile (La scrittura privata fa piena prova, fino a querela di falso -221 c.p.c.-, della provenienza delle dichiarazioni da chi l’ha sottoscritta, se colui contro il quale la scrittura è prodotta ne riconosce la sottoscrizione, ovvero se questa è legalmente considerata come riconosciuta -214 c.p.c.e  215 c.p.c.) e quindi forma piena prova sino a querela di falso.

Questa sono le PEC attualmente attive nel comune di Balsorano

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.