“Armandino facendo dei calcoli + o –

Di 14 Gennaio, 2018 0 0

ci deve ad oggi

o da chi è rimasto fermo ai tempi che furono

 

Per chi vuole rileggere quanto scritto nel 2015 sulla sua sentenza definitiva di condanna basterà premere sul seguente link.

Trascurando i grandi successi postumi dell’Armandino, oggi artefice di qualsiasi successo e le cifre sparate un po’ a casaccio, questa è l’eredità di “Armandino” e di chi lo ha succeduto.

In termini di ricchezza pro-capite nel 2001 eravamo i penultimi nella Valle Roveto dietro solo a S.Vincenzo V.R. e adesso siamo abbondantemente gli ultimi, tra l’altro ancora i più tassati per una gestione disastrata delle risorse pubbliche. In termini di crescita complessiva siamo i penultimi, solo Canistro con un -23% registra una minore crescita, e siamo costantemente dietro a Capistrello (+23%), S.Vincenzo V.R. (+33%), Civita (+47%), Civitella Roveto (+61%) e Morino (+75%), comuni che hanno registrato rispetto al nostro Paese incrementi a doppia cifra.

Ma torniamo ai Prusst ed in particolare alla centrale idroelettrica e al bacino lacustre ricostruendo la cronologia, se pur limitata ai solo passaggi principali, di un caos burocratico quasi infinito:

  • 2000 – partecipazione del Comune di Balsorano al progetto per la valorizzazione di una vasta area del medio Bacino del Liri;
  • 04.2000 – ammissione del programma al finanziamento;
  • 09.2000 – presentato progetto preliminare della Enersud srl per la “realizzazione di una centrale idroelettrica sul fiume Liri nella località “Casino Villa” di Balsorano;
  • 10.2000 – sottoscritto il protocollo d’intesa con la Enersud srl la quale si impegna a realizzare parte dei lavori del bacino lacustre e a cedere gratuitamente al Comune di Balsorano 350.000 KWh/anno (oggi valgono 31.500€);
  • 10.2000 – presentata dalla Enersud la richiesta di concessione a derivare le acque del fiume Liri;
  • 2001 – presentata analoga richiesta di derivazione dalla Futura Service srl;
  • 05.2002 – approvato e sottoscritto l’Accordo Quadro tra il Ministero delle Infrastrutture, la Regione Lazio, il Comune di Sora, la Cassa Depositi e Prestiti e la Regione Abruzzo prevedendo la disponibilità al finanziamento di 176 milioni di € nell’arco temporale di 10 anni dalla data di sottoscrizione dell’Accordo;
  • 03.2003 – l’autorità di Bacino esprime parere favorevole alla realizzazione dell’impianto idroelettrico proposto dalla Enersud;
  • 10.2003 – trasmesso progetto definitivo inerente la Costruzione della centrale idroelettrica (Enersud);
  • 02.2004 – la Regione Abruzzo poneva in concorrenza la domanda della Enersud con altra domanda di derivazione della Soc. Futura Service Srl.;
  • 07.2004 – primo parere non favorevole della Regione Lazio relativa alla domanda di derivazione delle acque da parte della Enersud;
  • 12.2005 – sulla scorta di questo parere e di altri motivi, il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche con sentenza n°174/05 accoglieva il ricorso della Futura Service ed annullava il parere favorevole espresso dall’Autorità di Bacino del Liri, Garigliano e Volturno nei confronti della Enersud;
  • 02.2008 – nuova richiesta (seconda) presentata dalla Enersud di concessione alla derivazione delle acque del fiume Liri alla Regione Abruzzo;
  • 2013 – il Tribunale superiore delle acque pubbliche respinge il ricorso della Futura Service srl con la quale chiedeva l’inammissibilità della seconda richiesta della Enersud;
  • 10.2010 – la Soc. Sfill (gruppo Futura Service srl) presenta 2 nuove istanze di richiesta alla derivazione della acque dal Fiume Liri in località Collepiano e Quercione;
  • 12.2010 – secondo parere non favorevole della Regione Lazio relativa alla domanda di concessione di derivazione da parte della Enersud;
  • 11.2013 – rilasciata dalla Regione Abruzzo l’autorizzazione alla Futura Service per realizzare la centrale idroelettrica in loc. Mola Antonini (senza particolari impedimenti da parte dell’amministrazione);
  • 01.2014 – la Regione Abruzzo ammette in concorrenza le domande di derivazione delle acque per uso idrico proposte da Sfill (due richieste presentate nel 2010) e da Enersud (presentata nel 2008);
  • 10.2014 – conferma da parte del Tribunale superiore delle Acque pubbliche del parere “non favorevole” della precedente valutazione del 12.2010 contro la Enersud;
  • 2015 – la Regione Abruzzo rilascia la concessione alla Enersud per la captazione delle acque riconoscendo alla Futura Service, già concessionaria, quanto stabilito dagli artt. 45 del R.D. 1775/33 e 47 del Regolamento regionale n.3/2007 (il concessionario è tenuto a indennizzare gli utenti preesistenti, fornendo loro, a propria cura e spese, una corrispondente quantità di acqua, e nel caso di impianti per forza motrice, una quantità di energia corrispondente a quella effettivamente utilizzata, provvedendo alle trasformazioni tecniche necessarie in guisa da non aggravare o pregiudicare gli interessi degli utenti preesistenti);
  • 2016 – la Regione Lazio non rilascia il proprio parere rimarcando che sussisteva ancora il precedente parere negativo.

Il Ministero complessivamente ha impegnato 26.051.763 € per i primi interventi (vedi Tab. 1 D.M. 10-07-2003), 119.447.261 € per i successivi interventi (vedi Tab. 2 D.M. 10-07-2003) e 6.855.976 € per le supporto ad iniziative progettuali di particolare interesse e rilevanza. Di quei 119 milioni al Comune di Sora vengono assegnati 1.243.605 €, ovvero al programma che vede Sora capofila, da ridistribuire sui progetti presentati (il solo nostro Comune ne aveva presentati per quasi 19.831.944,94 €). Sora se ne vedrà assegnati circa 450 mila € (gli ultimi spesi dopo la deroga ottenuta nel 2012 ovvero alla scadenza del programma) mentre al nostro Comune circa 100 mila € per l’intervento inizialmente previsto alla Madonna delle Grazie e poi dirottato sul Santuario di S.Angelo. Integrazione inserita il 21 gennaio 2018.

E arriviamo ad oggi.

Avverso alla decisione del 01.2014 con la quale la Regione Abruzzo ammette in concorrenza le domande di derivazione delle acque per uso idrico proposte da Sfill srl (due richieste presentate il 29.10.2010) e da Enersud srl (singola richiesta presentata il 20.02.2008), la stessa Sfill propone ricorso contro la Regione Abruzzo, l’Autorità di Bacino, la Enersud e la Regione Lazio in un procedimento che ci vede “opponendum” chiedendone l’annullamento per diversi motivi che non elenchiamo per una questione di spazi e che il Tribunale dichiara in parte inammissibili ed in parte infondati.

Da nessuna parte si chiede alla Futura Service, attuale concessionaria e proprietaria della centrale esistente, il suo smantellamento e si conferma quanto da noi scritto il 21.04.2016.

Sarà l’amministrazione in carica a decidere i passi successivi.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 2.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento