Bonus per i sistemi di videosorveglianza e di allarme (per i privati)

Di 7 Aprile, 2017 0 0

Per i cittadini che avessero installato nel 2016 sistemi di videosorveglianza o avessero stipulato contratti con agenzie di sicurezza (securpool, europool etc) riportiamo le possibilità di accesso per un bonus che potrebbe arrivare al 100% delle spese effettuate.

Il bonus per l’installazione di sistemi di videosorveglianza digitale o di sistemi di allarme è pari al 100% dell’importo richiesto. Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 30 marzo 2017, che individua la quota percentuale del credito d’imposta spettante per le spese sostenute nel 2016 relative all’installazione di sistemi di videosorveglianza digitale (o di sistemi di allarme) e ai contratti stipulati con istituti di vigilanza per la prevenzione di attività criminali. Con la risoluzione n. 42/E del 30 marzo 2017, l’Agenzia ha inoltre istituito il codice tributo 6874 per la fruizione del credito d’imposta da indicare nel modello F24.

La quota percentuale del credito d’imposta spettante in relazione alle spese sostenute, nell’anno 2016, per l’installazione di sistemi di videosorveglianza digitale o di sistemi di allarme, nonché per quelle connesse ai contratti stipulati con istituti di vigilanza, dirette alla prevenzione di attività criminali, è pari al 100% dell’importo richiesto, risultante dalle istanze validamente presentate fino al 20 marzo 2017.

Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 30 marzo 2017.

Di seguito riportiamo i criteri di accesso al bonus:

  • il credito d’imposta viene riconosciuto solamente a favore delle persone fisiche.
  • inoltre le spese in questione non devono essere sostenute nell’ambito di attività di lavoro autonomo o d’impresa.
  • se l’immobile per il quale vengono sostenute le spese è adibito promiscuamente all’uso personale/familiare del contribuente e all’esercizio delle attività sopra citate, il credito d’imposta viene ridotto al 50%.

Per il riconoscimento del credito è necessario presentare una specifica istanza tramite modello F24 (solo per via Telematica) di seguito alleghiamo il pdf della circolare dell’agenzia delle Entrate con gli estremi per la compilazione.

Nessun Commento Presente.