Solo il piano regolatore stabilisce se un’area è edificabile

Di 17 Novembre, 2016 0

edificabile-150Restando sempre in attesa dell’ufficialità delle dimissioni, pubblichiamo un altro articolo sulle imposte comunali con il quale torniamo a discutere nuovamente di imposte sulle aree edificabili.

In una recente sentenza della Corte di Cassazione (21154/2016) si è stabilito che un’area edificabile è applicabile il criterio del valore venale (ovvero è tassabile) se nel piano regolatore generale adottato dal Comune risulta come area edificabile indipendentemente dall’approvazione dello stesso da parte della Regione e dall’adozione di strumenti urbanistici attuativi.

Infatti la norma sulla definizione di fabbricati e aree, il D. Lgs 30 dicembre 1992 n. 504, all’articolo 2 comma 1 lettera b) dichiara per area fabbricabile si intende l’area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi ovvero in base alle possibilità effettive di edificazione determinate secondo i criteri previsti agli effetti dell’indennità di espropriazione per pubblica utilità. Sono considerati, tuttavia, non fabbricabili i terreni posseduti e condotti dai soggetti indicati nel comma 1 dell’articolo 9, sui quali persiste l’utilizzazione agro-silvo-pastorale mediante l’esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura ed all’allevamento di animali. Non può ritenersi inficiata dalla mancanza di un piano particolareggiato o attuativo orientamento già discusso dalle Sezioni unite che hanno osservato che un’area qualificata come edificabile dal Prg è sufficiente a far lievitare il valore venale dell’immobile.

Inoltre secondo i supremi giudici il valore venale che dovrebbe essere annualmente determinata dalla giunta municipale (anche se la nostra amministrazione non ha mai prodotto un simile documento) e non essendo una norma impositiva ma una determinazione presuntiva di un valore economico di mercato che può essere riferito ad un arco temporale, può avere valore retroattivo.

Nella sentenza viene specificato che in caso di accertato maggior valore dell’area edificabile indicato in un apposito atto questo deve essere obbligatoriamente allegato all’avviso di accertamento in quanto non conosciuti o non altrimenti conoscibili. Inversamente non vi è alcun obbligo qualora l’atto in cui si certifica l’incremento di un valore viene pubblicato nell’albo pretorio del comune.

In relazione alle sanzioni i giudici affermano che sono ammissibili in quanto non si prefigura un’incertezza normativa tributaria se pur passibile di incertezza soggettiva derivante dalla possibile erronea interpretazione della normativa. Quindi se la norma è stata erroneamente valutata la sanzione è comunque ammessa. Viceversa non è soggetto a sanzione qualora vi sia un’acclarata incertezza sulla normativa tributaria.

Le aliquote, con l’entrata in vigore del Dlgs 267/2000, restano di competenza alla giunta comunale.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerca, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita (senza pretendere permessi pagati “da noi”).

Nessun Commento Presente.