Ampliato l’accesso ai dati e ai documenti detenuti dalle amministrazioni pubbliche

Di 23 Febbraio, 2016 0 0

Documenti 150 Approvato dal consiglio dei ministri il decreto legislativo che corregge la legge n. 190/2012 e il D. Lgs n. 33/2013, decreto finalizzato a rafforzare la trasparenza amministrativa proponendo di favorire forme diffuse di controllo da parte dei cittadini introducendo ulteriori misure che consentono una più efficace azione di contrasto alle condotte illecite nelle pubbliche amministrazioni.

In particolare, in riferimento al D.Lgs n.33/2013, il seguente decreto apporta le seguenti modifiche:

  • ridefinire l’ambito di applicazione degli obblighi e delle misure in materia di trasparenza;
  • prevedere misure organizzative per la pubblicazione di alcune informazioni e per la concentrazione e la riduzione degli oneri gravanti in capo alle amministrazioni pubbliche;
  • razionalizzare e precisare gli obblighi di pubblicazione;
  • individuare i soggetti competenti all’irrogazione delle sanzioni per la violazione degli obblighi di trasparenza.

Si ribadisce inoltre che l’accesso ai dati e ai documenti detenuti dalle amministrazioni pubbliche è concesso a chiunque indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti, nel rispetto di alcuni limiti tassativamente indicati dalla legge, ampliando il regime di accesso previsto dall’articolo 5 del D. Lgs 33/2013.

Altra modifica sostanziale è l’eliminazione dell’obbligo per le amministrazioni pubbliche di redigere il programma triennale per la trasparenza e l’integrità sostituito con l’obbligo di inserire alcune informazioni dei Piani di prevenzione e corruzione che dovranno però indicare chiaramente i compiti e delle responsabilità dei soggetti interni alle amministrazioni, obbligo che deve essere perfezionato entro il 31 gennaio di ogni anno.

Tuttavia il responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (Rpc) è indicato dalla stessa legge 124/2015 ossia il segretario o in dirigente apicale ma in considerazione della prevista abolizione della figura del segretario comunale dovremmo aspettarci la modifica della disciplina dello stesso Rpc. Sarà infine compito dell’Oiv (Organismo Italiano della Valutazione) valutarne le misure adottate verificandole la coerenza con gli obiettivi inerenti alla prevenzione della corruzione e alla trasparenza.

Diffamazione 100
Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio in ragione di quello che è stato scritto, potrà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0
Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SA
Il contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100
Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà cura dell’editore procedere alla rimozione immediata.
No profit
Il sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre si cercherà di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100
Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita e sufficientemente corretta.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.