Operazione Trasparenza Scuola Media

Di 29 Settembre, 2014 0 0

TrasparenzaCome si vede dal diagramma a blocchi sottostante, il parto che sta facendo “nascere” la nuova scuola media è stato molto travagliato. Si parte probabilmente da un progetto di miglioramento sismico della scuola media a cura dell’Ing. Mazzone seguito a ruota da 3 ordinanze di chiusura e trasferimento delle attività scolastiche. Poi si è provato a vendere all’asta per ben due volte l’ex edificio ormai dismesso. Contemporaneamente alla pubblicazione del secondo “esperimento” di vendita all’asta si è presentato un progetto, sempre a firma dell’Ing. Mazzone, relativo alla costruzione di un nuovo plesso scolastico. Neanche 2 mesi dopo si presenta un nuovo progetto a firma dell’Ing. Mazzone, con oggetto “lavori di messa in sicurezza dell’edificio scuola media”, probabilmente cestinando il precedente progetto di miglioramento sismico. A corto di liquidità, l’amministrazione decide di “distrarre” vecchi mutui per dirottarli sul nuovo progetto di costruzione dell’Ing. Mazzone, per un importo di 610.000€ che si aggiungono ai 190.000€ richiesti proprio per realizzare tale nuova struttura. Qualche mese dopo, inspiegabilmente si decide di stralciare anche il progetto delle nuova struttura (oltre al secondo di messa in sicurezza), entrambi a firma dell’ingegnere comunale e si opta per una progettazione e direzione dei lavori esterna. Con il nuovo progetto, a firma dell’Ing. Tatangelo, l’importo dei lavori passa da 1,2 milioni di € a 1,5 milioni di €. Si procede quindi alla pubblicazione del bando di gara con la famosa clausola della sponsorizzazione, resa necessaria per l’ormai cronica mancanza di fondi. Il 26 luglio vengono avviati i lavori. La fine dei lavori è fissata per il 3 marzo 2015. Le prime classi che usufruiranno della struttura lo potranno fare da settembre 2015, quasi tre anni dopo la chiusura dell’ex scuola media. E pensare che si poteva già partire con il progetto dell’Ing. Mazzone presentato nell’estate del 2013, quasi 1 anno prima del nuovo progetto presentato agli inizi di marzo 2014 dal tecnico poi non tanto “esterno”, ma probabilmente era necessario aspettare.

Trasparenza scuola

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerca, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita (senza pretendere permessi pagati “da noi”).

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento