Pubblicato l’avviso di costituzione elenco delle imprese locali di fiducia (settore edile)

Di 13 Marzo, 2017 0 0

Era da anni che chiedevamo questo intervento al diretto interessato ovvero al precedente Responsabile dei Lavori Pubblici anche alla luce delle notevoli disparità di trattamento che ormai da anni vedono alcune imprese prevalere sempre e costantemente su altre imprese. La disponibilità alla creazione della lista delle imprese di fiducia nel rispetto principi di rotazione, concorrenza, economicità, parità di trattamento e pubblicità ci era stata sempre prospettata (falsamente) ma poi, per evidenti altri interessi, mai realizzata.

Il nuovo Responsabile Lavori Pubblici ha pubblicato l’avviso inerente alla costituzione dell’elenco degli operatori locali per l’affidamento di lavori con importo inferiore a 15.000€ (al netto delle tasse) secondo le regole stabilite da apposito regolamento comunale che dovrà sottostare alle indicazioni previste nel punto 4.1.1. delle linee guida emanate dall’Anac il 10 novembre in attuazione del D.Lgs dell’aprile 2016, quasi un anno fa, in riferimento “procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici” ovvero in via preliminare, si indica l’opportunità che le amministrazioni si dotino, nel rispetto del proprio ordinamento, di un regolamento in cui vengono disciplinate:

  1. le modalità di conduzione delle indagini di mercato, eventualmente distinte per fasce di importo;
  2. le modalità di costituzione dell’elenco dei fornitori, eventualmente distinti per categoria e fascia di importo;
  3. i criteri di scelta dei soggetti da invitare a presentare offerta a seguito di indagine di mercato o attingendo dall’elenco dei fornitori propri o da quelli presenti nel Mercato Elettronico delle P.A. altri strumenti similari gestiti dalle centrali di committenza di riferimento.

Ripetiamo, in troppe occasioni abbiamo descritto l’evidente disparità di trattamento e avevamo segnalato come troppo spesso si affidavano lavori di importo inferiore ai 40.000 euro tramite affidamento diretto senza adeguate motivazioni, come invece prevede la legge e che oggi nel nuovo regolamento è prevista anche sotto la soglia dei 1.000€ anche se in questo caso “la motivazione può essere espressa in forma sintetica”.

Il nuovo responsabile, evidentemente di diverso avviso rispetto al predecessore e in accordo con quanto da noi più volte indicato, nel rispetto dei principi di proporzionalità, adeguatezza e ragionevolezza, ha deciso di istituire una check-list seppur relativa ai lavori di importo molto modesto, riservata alle imprese che, per ragioni di prossimità, possono essere interessate all’iscrizione e sono in grado di garantire capacità di intervento celere e corrispettivi economici vantaggiosi per l’amministrazione proprio per la immediata prossimità tra la loro sede ed i luoghi in cui si rende necessario intervenire.

Considerata la modesta rilevanza economica della soglia indicata, relativa, per lo più a lavori di pronto intervento o manutenzione, tale check-list è riservata agli operatori economici aventi sede in questo Comune.

Secondo quanto previsto dalla normativa gli affidamenti dovranno seguire principi di rotazione, concorrenza, economicità, parità di trattamento e pubblicità, questo ufficio rivolgerà – secondo le indicazioni contenute nel punto 3.3.3 delle Linee Guida n. 4 ovvero “l’onere motivazionale relativo all’economicità dell’affidamento e al rispetto dei principi di concorrenza può essere soddisfatto mediante la valutazione comparativa dei preventivi di spesa forniti da due o più operatori economici”, la richiesta di “preventivi di spesa” agli operatori che si saranno iscritti nella ridetta check-list.

Ricordiamo che in relazione agli acquisti in campo informatico la soglia che permette l’affidamento diretto è sotto i 1.000€.

Gli operatori economici interessati possono presentare domanda di iscrizione nell’elenco, facendo pervenire istanza al protocollo comunale in orari di ufficio entro e non oltre il giorno 06 aprile 2017.

La domanda dovrà contenere le generalità della ditta e dei suoi titolari e la sede della stessa. Gli estremi della iscrizione alla Camera di Commercio, con specifica indicazione (anche mediante comunicazione dei codici ATECO) di operare nel settore edile in possesso del requisito del DURC e dell’iscrizione alla CC.I.AA.. La dichiarazione di non essere soggetti ad impedimenti a contrattare con la pubblica amministrazione; di non trovarsi nelle condizioni di cui all’art. 80 del codice degli appalti pubblici (D.lgs. 18.04.2016, n. 50); il tutto corredato da fotocopia di documento di identità in corso di validità.

La ridetta check-list sarà efficace sino all’adozione del regolamento comunale sugli affidamenti sotto soglia e comunque non oltre il 31 dicembre 2017.

Possono presentare domanda di inserimento al protocollo del Comune di Balsorano in orari di ufficio entro e non oltre il giorno 06 aprile 2017.

L’elenco degli operatori sarà formato, all’esito dello scrutinio delle istanze presentate, con apposita determinazione di questo Ufficio, eventuali esclusioni saranno preventivamente comunicate agli interessati.

Ci auguriamo che questo tipo di elenco sia più generale e riguardi anche altri settori oltre all’edilizia anche se non si può non rilevare come l’affidamento degli impianti di illuminazione e termici abbia forse definitivamente chiuso ogni possibilità alle numerose ditte termiche che non potranno intervenire su impianti di proprietà del comune affidati ad altra ditta (tra l’altro senza prevedere alcun risparmio in termini di costi di manutenzione) creando comunque un danno a imprese che versano le tasse per il proprio comune e che dovrebbero avere il diritto di poter lavorare, sempre secondo i principi di rotazione concorrenza economicità parità di trattamento e pubblicità, anche per il proprio ente pubblico di riferimento.

Alleghiamo il modulo di domanda previsto dall’amministrazione comunale.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, verranno evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerche, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando qualcun’altro ha dato il proprio peggio.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento