I piccoli comuni e le province non riescono a erogare i servizi (sempre a rischio il rimborso neve 2012)

Di 1 Febbraio, 2017 0 0

L’Anpci (Associazione nazionale piccoli comuni d’Italia) entra nei tragici eventi degli ultimi giorni che hanno colpito l’Abruzzo e in particolare le amministrazioni locali, dichiarando che i sistemi di prevenzione e di intervento sono falliti per mano della legge Delrio (numero 56/2014) che ha svuotato dei poteri le province e poste le basi per l’accorpamento dei piccoli comuni.

Già precedentemente abbiamo sottolineato che l’accorpamento dei piccoli comuni (tramite fusione o unione) nonostante gli incentivi statali, non ha generato feedback positivi tant’è vero che in molti casi si sono aperti contenziosi tra gli stessi comuni coinvolti. Non possiamo non rimarcare inoltre le differenze intrinseche tra i vari comuni soprattutto in realtà montane come le nostre, quindi restiamo fortemente scettici su entrambe le soluzioni (anche in considerazione della proposta sulla fusione dei piccoli comuni che sembra non avere seguito) mentre prestiamo attenzione sulla possibilità di mantenere i vari uffici condivisi ottenendo in questa maniera comunque risparmi subito tangibili e concreti.

Ma tornando alla legge Delrio con la quale sono state svuotate dei poteri quasi tutte le province (ad eccezione di quelle rinominate in città metropolitane), un dato salta subito agli occhi a dimostrazione delle attuali difficoltà ovvero la riduzione degli investimenti per la sicurezza delle strade provinciali passati, anche se sarebbe più corretto dire crollati, dai 7.318 euro per km a 2.170 euro, riduzione che si somma all’indisponibilità dei pezzi per la manutenzione dei mezzi. In molte strade, per migliorare la sicurezza, il limite di velocità è stato abbassato addirittura a 30 km orari non ottenendo i risultati sperati ma in controtendenza un incremento dell’indice di mortalità sia per colpa dei automobilisti che delle condizioni pessime in cui versano molte strade (ne abbiamo un esempio lampante con la superstrada proprio in corrispondenza della fine della competenza provinciale).

I piccoli comuni non se la passano meglio. Coinvolti nello sgombero neve di strade che spesso sono di notevole estensione, devono fare i conti con piccoli e grandi problemi che possono essere attenutati con un adeguato piano neve con il quale schedulare l’approvvigionamento delle risorse materiali (in primis sale antighiaccio e carburante per l’autotrazione) e organizzare gli interventi, piano neve che ricordiamo non viene redatto dal 2015 nel nostro comune checché ne dica il sindaco.

Recentemente sono arrivati anche per la nostra Regione i contributi per i danni che il maltempo ha provocato tra la primavera del 2013 e la fine del 2015. I comuni finanziari per gli eventi del 2013 ammontano a 57 che salgono a 80 per quelli coinvolti negli eventi del 2015. In totale sono arrivati 36,5 milioni di euro. Di questi, però, 20,6 milioni sono attualmente disponibili (4,2 milioni per il 2013 e 16,2 milioni per il 2015) e restano ancora 3,2 milioni da rendicontare. Il restante, 12,7 milioni, sono destinati al ristoro dei danni subiti delle imprese. A mettere in moto la macchina dei rimborsi fu la Regione dopo che il Consiglio dei ministri aveva deliberato lo stato di emergenza nazionale a seguito delle alluvioni e dei dissesti tra il 2013 e il 2015 e le ordinanze del capo del Dipartimento della Protezione civile.

Ma ora arriviamo alle notizie non altrettanto belle. Ricordate l’emergenza neve 2012. In un primo momento, a fronte delle oltre 250 mila € di fatture emesse si era deciso di applicare una riduzione, contenuta nel limite massimo del 30% sui prezzi applicati e successivamente si era stabilito che parte di questo importo, ovvero 50 mila €, sarebbe stato pagato in maniera proporzionale le imprese coinvolte con risorse dell’amministrazione coprendo di fatto il 18% dell’importo totale.

Ad una recente richiesta il responsabile del servizio di tesoreria ci informava che “relativamente all’emergenza neve 2012 sono state effettuate liquidazioni per un importo di €. 11.480,17 e pagamenti per €. 10.554,92” (la differenza tra liquidazione e pagamento è che il primo è semplicemente un impegno di bilancio).

Ora anche in considerazione del fatto che per quei lavori pendono almeno 4 decreti ingiuntivi ovvero: Ditta Villa Valentina (10373,84 €) di cui 1200 € al legale, Tullio Edil Calcestruzzi s.r.l. (25840,68 €) di cui 1410,97 € al legale, E.M.A. Legnami s.r.l. (12453,28 €) di cui 1410,97 € al legale, TAV s.r.l. (23876,92 €) di cui 1410,97 € al legale (che superano abbondantemente i 10000 € visto che se pur gli altri incarichi risultano di minore importo, perché trattasi dello stesso caso, il primo impegno è stato quantificato superiore ai 7000 €) ai quali il comune ha opposto resistenza in giudizio, abbiamo formalmente chiesto:

  • aggiornamenti sul fondo di solidarietà U.E. Reg. CE n° 2012/2002 ;
  • aggiornamenti sul ricorso alla parte residua dei fondi FAS per il 2000/2006;
  • aggiornamenti sui fondi FAS 2007/2013 (recuperando quelli non spesi nei campionati mondiali di sci di Roccaraso);
  • aggiornamento sui fondi richiesti ad altri enti tra i quali la stessa regione;
  • chi ha autorizzato gli interventi e chi doveva monitorarli è a tutti gli effetti sfuggito di mano,

almeno per avere la contezza di questi che sono a tutti gli effetti debiti fuori bilancio.

Tuttavia considerato che recentemente sono stati pagati gli interventi successivi (2013/2015) è facilmente ipotizzabile che quelli del 2012, per i quali sono stati versati solo alcuni rimborsi destinati alla provincia mentre il Governo aveva già da tempo precisato che non sarebbe intervenuto a sostegno degli Enti Locali, siano ormai impraticabili anche in considerazione della recente emergenza che inevitabilmente ne ha deviato l’attenzione.

Da segnalare infine che appena un anno dopo gli eventi ovvero il 24 marzo 2013, sul sito marsicalive veniva pubblicato un emblematico articolo con scritto “il governo si dimentica di nuovo dell’Abruzzo e lascia a secco i comuni della regione che hanno anticipato (non è chiaramente il nostro caso n.d.r.) milioni di euro per l’emergenza neve del febbraio 2012 … mentre stanzia risorse per 105 milioni di euro da erogarsi nel triennio 2013/2015 in favore delle Regioni colpite da una serie di calamità naturali negli anni antecedenti” sollevando la dura reazione del precedente governatore Chiodi.

Evidentemente bisogna comprendere che se la decisione di far intervenire tante imprese locali fu presa, nel bene o nel male, questa ha avuto inevitabilmente un costo (per noi eccessivo visto che molti hanno prestato le proprie ore di lavoro in maniera totalmente gratuita senza pretendere alcun compenso) e urge l’obbligo di assumere gli impegni presi trovando un accordo, sperando comunque in un ulteriore sconto vista la situazione in cui versano le casse comunali, che possa mettere finalmente la parola fine ad un contenzioso che rischia comunque di avere un costo (certificato dai ricorsi esecutivi) che andrà inevitabilmente sommato a quello legale usato più per tergiversare i pagamenti che per altri motivi e che ad oggi è addirittura superiore rispetto agli stessi pagamenti elargiti alle imprese coinvolte.

In caso contrario non potremo far altro che registrare l’ennesimo consistente debito fuori bilancio soprattutto in relazione ai 50 mila € inizialmente previsti in bilancio inspiegabilmente ridotti a poco più di 10 mila € e che precludono un’indagine più approfondita visto che ci troviamo nell’assurda situazione di aziende che hanno ottenuto almeno l’acconto del 18% e altre che non hanno visto un centesimo di €.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerca, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita.
La critica politica, se è vero che può essere di parte, è utile per “esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”. Un critico è qualcuno che da’ il meglio di sé quando voi avete dato il peggio di voi.

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento