Rifiuti e acqua più cari nel 2017

Di 22 Novembre, 2016 0 0

tasse-150Federcosumatori ha rilevato che per l’energia elettrica, il gas, l’acqua ed i rifiuti la spesa complessiva nel 2016 per una famiglia tipo ammonterà a fine anno a 2.291,5 €, il +61% rispetto al 2000, il +12% rispetto al 2010 e il -2,7% rispetto allo scorso anno.

Sul versante dell’acqua si prevede per il 2017 un incremento medio nel ciclo 2016-2019 pari al 6%. Sempre per il 2017 prevede la tariffa Tari salire dell’1%.

Le spese dei consumi domestici risultano sempre più pesanti nei bilanci comunali. La componente rifiuti nel periodo 2000/2016 è quella che ha registrato l’incremento più pesante, pari al +232%, seguito dagli incrementi della bolletta dell’acqua (+100%), dell’energia elettrica (+61%) e del gas (+35%).

Solo negli ultimi due anni si è registrato un calo della bolletta del gas a seguito della riforma varata dall’Aeegsi abbinata al calo dei consumi e all’esubero dell’offerta che hanno generato anche un modesto calo della bolletta elettrica.

Invece un aumento significativo si è verificato per le bollette dell’acqua a causa del metodo tariffario mentre nell’ultimo anno la tariffa Tari è scesa se pur in maniera molto limitata grazie anche alla riduzione dei costi del carburante.

Mettendo a confronto i numeri a base nazionale con i nostri a base locale, possiamo affermare che in relazione alla tariffa rifiuti (oggi Tari), dal 2000 a 2015 (ultimi dati ufficiali e relativi agli impegni di cassa) la tariffa è passata da 191.088,54 € del 2000 ai 426.083,82 € del 2015 (222% in più e ad oggi spendiamo 100 mila € in più dal periodo pre-differenziata) dopo aver toccato il massimo nel 2013 (457.048,39 +239%) e aver assistito ad un calo nel 2014, anno in cui il costo del servizio veniva quantificato a 426.044,22 se pur a bollette ferme, calo interrotto nel 2015 anno i cui si registravano impegni identici a quelli dell’anno precedente.

Un dato comunque conferma le difficoltà dei nostri concittadini ad onorare i pagamenti. L’incremento dei residui, ovvero di quella quota della Tari che non viene pagata alla fine dell’esercizio in corso. Come si può vedere dai dati

2013 — 361.959,27 (competenza) + 43.497,11 (residui)

2014 — 306.173,23 (competenza) + 72.152,18 (residui)

2015 — 340.330,37 (competenza) + 100.674,18 (residui)

i numeri dimostrano che sia nel 2014 (28.655,07 €) che nel 2015 (28.522,00 €) continua a crescere la quota non pagata della Tari, quota che ha raggiunto e superato i 100 mila € di residui. Sono soldi che qualora non fossero più esigibili (esempio per difficoltà economiche o decesso o altre cause) andrebbero ad incrementare quel Fondo Crediti di dubbia esigibilità che poi dovrà essere onorato dagli altri cittadini con l’aumento delle loro tariffe.

Non sappiamo le tariffe idriche per il 2017. Possiamo comunque stimare il costo della componente rifiuti avendo a disposizione 1/3 delle fatture annuali e affermare che il prossimo anno dovremmo tornare alla tariffa 2015 neutralizzando di fatto la leggera riduzione applicata nella tariffa 2016.

Diffamazione 100Se qualcuno si sentisse calunniato, diffamato, chiamato in causa in modo improprio su quello che abbiamo scritto, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura verificare la richiesta e se necessario procedere alla rettifica dell’articolo (entro 72 ore dalla segnalazione). In caso contrario ogni articolo manterrà la propria validità.
Edit 150 1.0Gli articoli conservano il loro contenuto originale a tempo indeterminato. Eventuali revisioni o correzioni successive vengono indicate nell’articolo. Se il numero della revisione è 1.0, l’articolo non ha subito variazioni dalla data di pubblicazione. Eventuali rettifiche, anche imposte esternamente, vengono evidenziate e commentate.
CC BY-NC-SAIl contenuto è disciplinato nei termini della licenza CC BY-NC-SA in particolare è permesso di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale, (quindi ad ogni derivato non sarà permesso l’uso commerciale).
Copyright 100Le immagini sono prelevate da google pertanto non sappiamo se i contenuti sono legalmente concessi in licenza. Alcuni articoli sono tratti da notizie diffuse su internet da più fonti. Qualora le immagini o gli articoli siano protetti da copyright, basterà scrivere all’indirizzo info@balsorano.org e sarà nostra cura procedere alla rimozione immediata.
No profitIl sito è e resterà senza scopo di lucro per tutta la sua esistenza. La sua funzione resta quella di aggiornare la cittadinanza sulle scelte dell’amministrazione rendendoli partecipi della vita politica del paese e contribuire alla sua stessa crescita. Inoltre cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità normative che di volta in volta vengono emanate.
errata-corrige-100Gli articoli pubblicati non sono proforma ma risultati di ricerca, analisi e valutazioni, scritti nel poco tempo a disposizione. Sicuramente non privi di errori (anche grammaticali) dovuti all’impossibilità di perfezionare quanto pubblicato in tempi rapidi. L’obiettivo resta quello di fornire informazioni veritiere in maniera totalmente gratuita (senza pretendere permessi pagati “da noi”).

Nessun Commento Presente.

Lascia un Commento